Palio

Volterra celebra Tabarre, il fantino più famoso dell’Ottocento

Riscoprire valorizzandoli i personaggi e le personalità che si sono distinti nei secoli in vari settori della vita pubblica e privata portando il nome di Volterra agli onori delle cronache. Anche con l’apposizione di una targa commemorativa. Con questo obiettivo l’Amministrazione comunale, sabato 13 maggio (ore 16 Sala Maggior Consiglio Palazzo dei Priori), celebrerà la figura di Francesco Ceppatelli detto Tabarre il fantino più celebre di tutto l’Ottocento. Vincitore a Siena di nove Palii tra il 1888 e il 1895, due dei quali per la Tartuca, unica contrada che riuscì ad immortalarlo in una foto dopo una vittoria in Piazza del Campo, la giornata sarà incentrata su ricordi, aneddoti, vittorie, storie e “leggende” unite a fatti storici e da intrecci con la vita volterrana e la realtà importante e sentita delle “Corse alla Tonda” in città.

«Abbiamo voluto una targa per Tabarre – spiega il Sindaco Marco Buselli – per riscoprire una figura volterrana importante ma dimenticata che invece ha contribuito nella sua epoca a fare la storia del Palio. Dalla targa è poi nato questo evento da cui, mi auguro, possa emergere anche la passione per le corse dei cavalli di Volterra in Vallebona. Coltivare la nostra memoria è essenziale».

Il programma, suddiviso in due momenti distinti, prevede una prima parte di racconto e di ricordo narrato appunto dove una serie di personalità legate al mondo del Palio dialogheranno con il nipote del fantino per dare una corretta e appassionata contestualizzazione del personaggio.

La proiezione di alcuni documenti e fotografie arricchiranno la narrazione. Nel secondo momento invece, (ore 18) sarà svelata una targa commemorativa, progettata da Irene Taddei e apposta nella casa dove ha vissuto Tabarre. «Venuti a conoscenza della storia e delle vicissitudini del fantino Tabarre dalle ricerche storiche fatte dal pronipote Moreno Ceppatelli (ora anche suo biografo) – speigano i due curatori della giornata Alessandro Bonsignori e Irene Taddei – è nata l’idea di realizzare un momento di ricordo che ne delineasse i contorni e narrasse aneddoti e vittorie».

Il focus sarà decisamente mirato a Volterra e Tabarre, ma il legato stretto e importante con la città di Siena costituirà parte fondamentale dell’iniziativa. Per questo il sentito invito alle Contrade nelle quali Tabarre ha vinto: Tartuca, Drago, Chiocciola, Oca, Torre, Istrice e all’Amministrazione comunale di Siena.

(Foto da ilpalio.org)

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena