Vino Nobile di Montepulciano: nuovo stand e tanti eventi a Vinitaly 2019
28 Mar, 2019
logo_are_6_trasp

 

Padiglione 9 (Toscana), Stand D12 – D13. Le coordinate per trovare a Vinitaly i produttori di Vino Nobile di Montepulciano presso lo stand del Consorzio che li riunisce sono sempre le stesse, ma quest’anno gli appassionati di questa grande Docg italiana troveranno una sorpresa: uno stand completamente rinnovato all’insegna della toscanità. Come sempre si potranno degustare le etichette delle oltre venti aziende presenti in forma diretta (al banco informazioni sarà disponibile anche la mappa per scovare le altre aziende di Montepulciano in giro per la fiera), oltre al banco d’assaggio consortile che ospiterà la quasi totalità delle griffes di Vino Nobile di Montepulciano. «Un anno importante per la nostra denominazione, dal punto di vista del mercato, segnato a Verona da questo restyling dell’area consortile – spiega il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Piero Di Betto – inoltre abbiamo un fitto programma di eventi che ogni giorno attireranno l’attenzione sulla nostra denominazione in una delle fiere di riferimento per il settore del vino».

 

“Nobile Natives: Vino Nobile di Montepulciano”. Il titolo della degustazione in programma per lunedì 8 aprile, alle ore 11 (Sala C Pad. 10 piano I) è stato scelto dalla stessa conduttrice, la giornalista e scrittrice Kerin O’Keefe, per una master class dedicata a scoprire le peculiarità degli uvaggi e del loro invecchiamento a Montepulciano. La degustazione (in lingua inglese con la traduzione simultanea), a numero chiuso, sarà un viaggio nella Docg poliziana attraverso l’assaggio di alcune etichette selezionate dalla giornalista di Wine Enthusiast. (per informazioni e prenotazioni Silvia Loriga s.loriga@consorziovinonobile.it)

 

Il Vino Nobile di Montepulciano e il suo territorio. Martedì 9 aprile, alle ore 11.00 presso lo stand di Repubblica (Corridoio dei Signori tra pad. 11 e pad. 12) sarà presentata in anteprima la nuova guida realizzata dal gruppo editoriale tra i più famosi in Italia. Il progetto editoriale rientra nella collana Guide ai sapori e ai piaceri e in particolare negli speciali “L’Italia del Vino”. Sotto la direzione di Giuseppe Cerasa un lavoro editoriale che parte dal protagonista, il Vino Nobile di Montepulciano, per raccontare il suo territorio attraverso personaggi, itinerari, arte e cultura. Poi non mancano le segnalazioni di dove dormire, mangiare, acquistare, oltre alle schede narrative di tutte le aziende produttrici di Vino Nobile di Montepulciano. Saranno presenti nell’occasione il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Piero Di Betto, il presidente della Strada del Vino Nobile e dei Sapori della Valdichiana, Doriano Bui, il sindaco di Montepulciano, Andrea Rossi, l’assessore all’agricoltura della Regione Toscana, Marco Remaschi.

 

Enovitis in campo sceglie Montepulciano. A Vinitaly, più precisamente il 7 aprile alle ore 15 presso lo stand del Consorzio, sarà presentata la nuova tappa di Enovitis in campo, il grande appuntamento dedicato all’innovazione in viticoltura promosso da Unione Italiana Vini che quest’anno ha scelto proprio le terre di produzione del Vino Nobile di Montepulciano per la sua grande iniziativa in programma dal 20 al 21 giugno.

 

Il mercato: export su tutto, ma cresce la vendita diretta. A Vinitaly sarà anche l’occasione per riflettere sul mercato del Vino Nobile di Montepulciano che nel 2018 si conferma all’insegna dell’export con una quota destinata all’estero pari al 78% di prodotto, mentre il restante 22% viene commercializzato in Italia. La Germania continua ad essere il primo mercato del Nobile con il 44% della quota esportazioni. Il secondo Paese di riferimento è quello degli Stati Uniti che segnano ancora una crescita rispetto al precedente anno arrivando nel 2018 arrivando a rappresentare il 22% dell’export del Vino Nobile di Montepulciano. Successo anche per i mercati asiatici, balcanici ed extra Ue con oltre il 7% delle esportazioni. Il Vino Nobile è apprezzato anche in Svizzera dove raggiunge il 14%. Tra le grandi novità il mercato canadese dove tra l’altro si sono rivolte alcune importanti iniziative promozionali negli ultimi anni con una quota di export che ha raggiunto il 3% nel 2018 in crescita. Per quanto riguarda il mercato nazionale inoltre le principali vendite sono registrate in Toscana per il 48,5%. Al Nord è stato venduto il 14% del totale nazionale mentre nel restante centro-Italia sud e Isole il 15%. Per quanto riguarda l’estero si assiste a una torta divisa a metà tra Europa e paesi extra Ue. Continua la tendenza di crescita degli ultimi anni la vendita diretta in azienda che nel 2018 ha raggiunto il 21%.