Venerdì nero per Banca Mps: il titolo crolla, la Bce fa la voce grossa
9 Gen, 2015
logo_are_6_trasp

Giornata particolarmente difficile per il titolo Mps che, in rosso per tutta la seduta, ha chiuso in Borsa con -8,63%; tutta un’altra storia rispetto alla giornata precedente quando le azioni avevano letteralmente preso il volo dopo l’annuncio del varo dell’aumento di capitale di Banco Santander, mossa che gli analisti interpretavano come un interesse da parte del gruppo spagnolo per l’acquisizione della banca senese. Solo a mercati chiusi era arrivata la smentita da parte dei vertici di Santander. Come se non bastasse la Bce ha alzato le soglie minime per i requisiti patrimoniali delle banche, sotto la sua supervisione. Per il Monte dei Paschi il livello sale al 14,3%. Gli istituti bancari hanno tempo fino al 16 gennaio per inviare le proprie controdeduzioni, mentre una risposta della Bce è attesa entro fine mese. In generale una brutta situazione per Mps.