Vandali a San Quirico, scuola devastata. Il sindaco Agnelli ad ARE: “Questi gesti non fanno parte della nostra cultura”
16 Apr, 2018
palestra_vetrata_2

Sfondata una vetrata della scuola media ed un’altra della palestra comunale. Sono questi i danni principali di un nuovo atto vandalico effettuato da ignoti, avvenuto nella notte fra venerdì e sabato scorsi nel complesso scolastico di San Quirico d’Orcia, in via delle Scuole.

I primi ad accorgersi del raid notturno sono stati i bidelli della scuola media entrati in servizio nella mattina di sabato. All’interno infatti si trovavano i vetri infranti. I vandali, al momento ignoti, sono probabilmente saliti sul tetto della palestra, ed hanno rotto le due vetrate (che fanno parte dello stesso edificio) attraverso il lancio di mattoni. Sul posto sono successivamente intervenuti Carabinieri della compagnia locale e Polizia Municipale. Oltre all’atto vandalico – sottolinea l’amministrazione comunale di San Quirico d’Orcia – è necessario anche evidenziare la pericolosità dell’episodio: se, come ipotizzato, i vandali sono saliti sul tetto, hanno corso un pericolo estremo, come la caduta e i conseguenti danni fisici.

«E’ un atto molto grave. Ci auguriamo – commenta il sindaco di San Quirico d’Orcia, Valeria Agnelli – che la civiltà dei cittadini sanquirichesi prevalga sempre su fatti spiacevoli come questo che di certo non appartengono alla nostra cultura e alle nostre abitudini. Come Amministrazione comunale continueremo a tutelare, vigilare e valorizzare il nostro patrimonio, confidando nella collaborazione e sensibilità della popolazione. E’ doveroso ricordare che chi danneggia un bene pubblico, reca un danno e toglie dei servizi utili all’intera cittadinanza».

Non si tratta del primo episodio simile avvenuto nell’area del Parco Sorbellini. Nel recente passato furono danneggiate infatti alcune strutture dell’’area verde limitrofa, che avendo giochi per bambini è sempre molto frequentata durante le ore del giorno.

Dal primo cittadino anche un appello al senso civico della popolazione: «E’ fondamentale – aggiunge il sindaco Agnelli – che tutti i genitori ci aiutino per far comprendere ai ragazzi la gravità di fatti come questi, sia in termini di rispetto del patrimonio pubblico, sia per far loro capire il rischio che corrono per la propria vita; un aspetto a mio avviso ancora più importante per il bene proprio e della comunità. Il controllo che possiamo fare è importante, ma lo è ancora di più la cultura del rispetto e dell’attenzione nelle azioni e, su questo, l’Amministrazione da sola non può fare niente».