Valentini al Mibact per spiegare il progetto di recupero delle mura cittadine
12 Giu, 2015
-Porta_Tufi

“Lunedì scorso ho incontrato, presso la Sede del MIBACT, l’architetto Antonia Pasqua Recchia, Segretaria Generale del Ministero, per presentarle direttamente il progetto di recupero e restauro delle mura della città di Siena, di proprietà demaniale”. Con queste parole inizia la nota stampa con cui il Sindaco Valentini rende conto dell’incontro avvenuto presso il MIBACT lunedì scorso, con il quale l’Amministrazione Comunale ha presentato il progetto di restauro delle mura cittadine.

“Si tratta di un progetto ambizioso e molto impegnativo, redatto dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione e con l’autorizzazione della Soprintendenza ai beni Architettonici di Siena e Grosseto, poco prima che avvenisse l’unificazione territoriale e funzionale per le tre province di Siena, Arezzo e Grosseto.

Il valore dell’operazione di Restauro è stimato in circa 8 milioni di euro: ci rendiamo conto che le difficoltà finanziarie dello Stato rendono difficile sostenere subito tutta l’operazione, che però potrebbe essere finanziata e realizzata per stralci.

Abbiamo fatto presente alla dott.ssa Pasqua Recchia che, oltre al valore intrinseco della cinta muraria di una città patrimonio Unesco, nota in tutto il mondo, vi sono problemi di sicurezza che rendono urgenti molti degli interventi proposti, e che vi è una precisa responsabilità che grava sullo Stato, che ne è proprietario.

Quanto avvenuto alle mura di Volterra è un esplicito monito che deve indurre tutti a prevenire piuttosto che correre ai ripari dopo i disastri. Il Comune, in collaborazione con associazioni di volontari (in primo luogo l’associazione Le Mura), così come con le Contrade, ha messo già in atto vari interventi di manutenzione, orientati soprattutto alla pulizia delle aree circostanti ed alla rimozione delle piante infestanti, coerentemente con la pianificazione urbanistica che proprio lì ha collocato il c.d. “Parco del Buongoverno”.

La dott.ssa Pasqua Recchia- conclude il Sindaco Valentini- ha preso buona nota delle nostre richieste e si è impegnata a riferirle quanto prima al ministro Dario Franceschini. Durante il colloquio abbiamo affrontato anche l’annosa questione del trasferimento della Pinacoteca Nazionale al Santa Maria della Scala, di cui dovrà occuparsi il nuovo responsabile del Polo Museale Toscano, Stefano Casciu, insediatosi da poco, e col quale ho avuto un primo incontro qualche settimana fa”.