Utile di oltre 7 milioni di euro per l’Università degli studi di Siena
19 Apr, 2019
universita rettorato cortile_800x600

Il consiglio di amministrazione dell’Università di Siena ha approvato questa mattina il bilancio di esercizio 2018, che prevede un utile di 7,8 milioni di euro. Soddisfazione è stata espressa dal Rettore Francesco Frati, per un risultato che è costantemente positivo negli ultimi sei esercizi e testimonia la solidità della gestione economica dell’ateneo.

“La soddisfazione riguardo alla solidità delle nostre previsioni, dovuta certamente all’applicazione del principio di precauzione nella redazione dei budget annuali, e alla correttezza della nostra azione amministrativa, assume maggiore rilievo se consideriamo le continue incertezze sulle risorse statali che vengono attribuite: risorse che per un Ateneo pubblico come l’Università di Siena rappresentano la gran parte dei proventi operativi. Il Fondo di Finanziamento Ordinario attribuito dal ministero pesa infatti per circa il 60% dei proventi”.
Concentrandosi sulle entrate, il Fondo di Finanziamento Ordinario ammonta complessivamente a circa 104 milioni di euro, sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente ma in costante diminuzione dal 2014. Tuttavia, nel 2018 e per i successivi 4 anni, al FFO si aggiungono risorse per oltre 5 milioni di euro destinate al finanziamento dei Dipartimenti di Eccellenza. Stabili sono i proventi derivati da ricerche commissionate da esterni, e da finanziamenti competitivi. “Un obiettivo importante è quello di incrementare questo tipo di entrate  – ha detto Frati – seppure nell’attuale situazione di crisi finanziaria del Paese anche le risorse competitive bandite dal Governo e da altri enti pubblici hanno subito una rilevante contrazione.” Proprio in questi giorni tuttavia stanno per essere attribuiti ulteriori finanziamenti per la ricerca a valere sui progetti PRIN, Progetti di Rilevante Interesse nazionale (8 progetti coordinati dall’Università di Siena e complessive 36 unità di ricerca coinvolte) che ammontano ad un totale di 4,5 milioni di euro.
Per quanto riguarda i costi presenti nel bilancio di esercizio, circa il 50% dell’ammontare attiene al sostegno agli studenti, con un costante aumento negli anni di questa voce: +2,4 milioni (+10%) rispetto al 2017 e +5,1 milioni (+25%) dal 2013. “Sono orgoglioso di questa scelta e pienamente convinto che le misure a favore degli studenti, costantemente concordate con i loro rappresentanti, siano il migliore investimento per la nostra comunità” ha detto il rettore.
E’ sceso invece di circa 1,1 milione di euro, a circa 60,5 milioni, il costo per i professori e i ricercatori, anche se il loro numero è rimasto invariato nell’ultimo ultimo esercizio. “Nel corso degli ultimi anni, a fronte di un cospicuo numero di docenti collocati a riposo per raggiunti limiti di età, la disponibilità di risorse aggiuntive su diversi “Piani Straordinari di reclutamento” e il finanziamento di ben 4 “Dipartimenti di Eccellenza” ha permesso di effettuare un consistente turnover, attraverso l’assunzione di ricercatori a tempo determinato” – ha spiegato Frati.
Sono 718 i docenti dell’Ateneo, numero rimasto invariato rispetto al 2017 ma in costante decremento se si analizza l’ultimo decennio. “La diminuzione del corpo docente è un fenomeno che colpisce tutti gli Atenei italiani. A questo proposito voglio però ricordare una nota positiva: il ministero ha previsto per il 2019 un ulteriore piano straordinario per l’assunzione di ricercatori a tempo determinato, all’interno del quale l’Ateneo ha ottenuto risorse aggiuntive per bandire 21 nuovi ruoli.”
Significativa è anche la riduzione della contribuzione studentesca dovuta, pur in presenza di un aumento delle iscrizioni, al nuovo regolamento tasse che ha previsto misure a sostegno degli studenti meno abbienti.
Analizzando ancora la voce dei costi nel bilancio di esercizio, grande peso hanno gli oneri finanziari, che si stanno comunque progressivamente riducendo, e le spese per l’affitto di immobili, in particolare per il presidio di San Niccolò.
Infine dal punto di vista della liquidità la situazione è costantemente migliorata nel corso degli ultimi esercizi e anche per il 2018 la situazione di cassa finale indica una buona gestione monetaria, con un aumento di circa 3 milioni di euro.
“Non posso che esprimere grande soddisfazione per la gestione economica e finanziaria dell’Ateneo – ha detto il rettore Frati – considerato che raggiungere la solidità economica non ha compromesso la sostenibilità dell’offerta didattica e i buoni risultati di ricerca. Finalità, queste, che sono perseguite in modo sempre più efficace grazie a tutte le componenti della comunità universitaria, docenti e personale tecnico e amministrativo, che ringrazio per il costante impegno profuso. Possiamo oggi guardare con ottimismo al futuro e soddisfare alcune naturali e positive aspettative di crescita e di sviluppo per l’intero Ateneo”.

 

Sono aperte le preimmatricolazioni all’Università di Siena per l’anno accademico 2019/2020.
Fino all’11 luglio gli studenti interessati ai corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico, che non siano  ad accesso programmato, possono collegarsi al sito web https://segreteriaonline.unisi.it per svolgere la procedura, che è interamente online. Attraverso la stessa piattaforma, dal 23 luglio al 31 ottobre sarà possibile completare l’immatricolazione.
Per le preimmatricolazioni ai corsi a numero programmato con iscrizione fino ad esaurimento posti, cioè i corsi triennali in Agribusiness, Scienze biologiche, e i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia e in Chimica e tecnologia farmaceutiche, gli studenti potranno trovare tutte le informazioni nei bandi di ammissione che saranno pubblicati nelle prossime settimane.
Non è possibile preimmatricolarsi ai corsi di laurea a numero programmato con prova selettiva di ammissione, ovvero Medicina e chiururgia,  Odontoiatria in lingua inglese (Dentistry) e i corsi delle Professioni sanitarie, che hanno numeri programmati a livello nazionale, e a Biotecnologie, corso di primo livello con numero programmato a livello locale.
Tutte le informazioni sull’offerta formativa, le preimmatricolazioni e i servizi per gli studenti per il nuovo anno accademico sono disponibili nel sito web dell’Ateneo, all’indirizzo www.unisi.it/preimmatricolazioni.