Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

Turismo. Toscana sul podio delle mete più ambite. Quasi il 70% dei turisti passerà da Siena

La Toscana si guadagna la “medaglia d’argento” delle destinazioni turistiche preferite dagli italiani:  l’11,9% ha manifestato l’intenzione di volervi trascorrere le vacanze. Appeal che sale al 34,2% per i toscani. A seguire, quasi in chiave di differenziazione del prodotto turistico, indica la Sicilia tradizionalmente meta più balneare e il Trentino-Alto Adige, maggiormente legato al turismo verde e alla montagna. In questo scenario di attrattività dell’offerta turistica regionale come si posiziona la “destinazione Siena”? Presenta segnali assolutamente incoraggianti che la caratterizzano come una città sicura dall’appeal fortemente identitario. Da un livello di interesse a visitarla rilevante (83,7%) a un indice di fidelizzazione altrettanto significativo: quasi il 60% degli italiani che ha visitato la Città lo rifarebbe, senza dubbio alcuno. Dunque, un buon livello di reputazione turistica della destinazione. Ma qual è l’immagine che evoca? Ricca di storia e di cultura (73,7%) così come di folklore e tradizioni popolari (21%). Percepita dalla domanda turistica come una Città poco congestionata (31,5%), pulita e rispettosa dell’ambiente (22,7%) quali sono le aspettative dei turisti che intendono visitarla nei prossimi mesi? Quattro i desiderata prioritari: vacanza in pieno relax (51,5%), all’insegna della scoperta del patrimonio storico-culturale (42,5%), con passeggiata nel centro storico (39,9%) coronata dalla buona gastronomia locale (26,9%). È quanto emerge da un’indagine realizzata da Demoskopika per conto del Comune di Siena che ha coinvolto un campione di 1.539 cittadini intervistati tra il 18 e il 25 maggio scorsi.

 

<<Il nostro territorio – precisa il sindaco di Siena, Luigi De Mossi –  attira i visitatori proponendo una ricca offerta per ogni gusto e sensibilità. Dopo aver approfondito gli orientamenti della domanda, è stato progettato un piano integrato di azioni e interventi mirato, da un lato, a valorizzare l’offerta turistica e culturale della nostra città e, dall’altro, ad accogliere turisti e visitatori in totale sicurezza>>.

 

<<Siena – precisa l’assessore comunale al turismo,  Alberto Tirelli – appare agli occhi dei turisti come una delle città più vivibili e più belle d’Italia, vanta un patrimonio storico e artistico notevole, da emozionanti scorci e paesaggi unici ben abbinati a un’eccezionale offerta gastronomica, caratteristiche che oggi la rendono ancora più appetibile. In questa direzione, l’Amministrazione comunale già dai primi giorni dell’emergenza sanitaria ha messo in azione strumenti innovativi per la promozione del territorio e per comunicare le grandi opportunità che si offrono per viverlo in sicurezza>>.

 

Identikit del turista “senese”. Qual è l’identikit del turista italiano post Covid-19  che ha manifestato l’intenzione di visitare Siena? Una possibile risposta è ricavabile partendo dall’interesse manifestato dai cittadini interpellati verso la città di Siena. In particolare, il 67,4% del campione che ha dichiarato di trascorrere le vacanza in Toscana, ha espresso l’intenzione di visitare Siena. A rappresentare un interesse maggiore, i turisti provenienti principalmente dal Nord-ovest e dal Mezzogiorno con una fascia di età che va dai 36 ai 64 anni. Le categorie più “attente”, inoltre, risulterebbero dirigenti, quadri direttivi, insegnanti, imprenditori e liberi professionisti. A prevalere, infine, gli individui che hanno dichiarato un elevato reddito familiare.

 

Immagine percepita: Siena, città ricca di storia, cultura e tradizione popolari. Per oltre 7 italiani su 10, Siena evoca una città “ricca di storia e di cultura” seguita, a distanza da altre tre modalità di risposta: “ricca di folklore e tradizioni popolari” (21,0%), “ospitale e accogliente” (17,5%) e “pulita, rispettosa dell’ambiente e curata” (17,1%). Per l’8,0%, inoltre, la città è percepita come “economica ma, al contempo, di qualità” e “eccitante e piena di vita” (7,9%). Sul versante opposto, una visione negativa della destinazione senese si consuma tra chi la reputa “costosa” (4,8%) e difficile da raggiungere” (4,4%).

 

Pernottamento: prevale il “fai da te”. Oltre il 40% degli italiani non utilizzerà il sistema ricettivo alberghiero o extra-alberghiero. Per l’anno in corso, in particolare, le scelte ricadranno principalmente su case prese in affitto (18,9%) o di proprietà della famiglia (17,4%) non rifiutando, per chi ne ha l’opportunità, di essere ospitato da parenti o amici (5,2%). Resta, ad ogni modo, più che rilevante la fetta dei vacanzieri che non rinuncia all’albergo (27,6%), al villaggio turistico (7,6%) per il comparto alberghiero o, in alternativa, al sistema extra-alberghiero con in testa i bed & breakfast (12,8%) seguiti dall’agriturismo (4,8%) e dalla scelta del campeggio (4,2%).

 

Vissuto urbano e notorietà: gli “assidui” di Siena sono circa un terzo. La maggior parte degli individui interpellati, su base nazionale, ha dichiarato di essere stato a Siena almeno una volta: i più “assidui” rappresentano circa un terzo del campione(28,9%). Nel dettaglio, al netto di chi vive a Siena,  il 40% dichiara di esserci stato “una sola volta”, il 27,1% “più volte” mentre appena l’1,8% spesso. Significativa anche la percentuale di chi conosce Siena ma non c’è mai stato (30,1%).

 

Visitare Siena. Le aspettative dei turisti: relax, cultura e cucina locale.  Per una vacanza a Siena il turista indica quattro modalità di risposta prioritarie: “una visita in piena tranquillità e relax” (51,5%), “all’insegna della cultura con visita a musei, palazzi storici, chiese e monumenti (42,5%), optando per “una passeggiata nel centro storico, piazze e vie delle botteghe e dell’artigianato locale” (39,9%) non disdegnando, anzi, al contrario, ricercando la “buona gastronomia e il buon cibo” (26,9%). A seguire, chi opta per “un soggiorno nelle vicine colline e nella campagna senese” 11,1%). In coda, con una significatività poco rilevante le rimanenti modalità di risposta: “una vacanza all’insegna del benessere (1,9%), “un itinerario/cammino storico religioso (1,3%) e, infine, “un soggiorno all’insegna dello sport e dell’attività fisica” (0,6%).

 

Siena in sicurezza: distanziamento sociale, mascherine e niente assembramenti. Quali sono le azioni prioritarie affinché un turista possa sentirsi rassicurato durante la vacanza senese? Gli italiani sembrano non avere alcun dubbio. Due le principali modalità di risposta individuate: il 48,7% ritiene sia fondamentale “vigilare sull’osservazione delle norme di distanziamento sociale e sull’uso delle mascherine” mentre il 43,3% ritiene indispensabile “regolare l’afflusso di turisti per evitare assembramenti”. Rilevante anche la percentuale di casi, 33,3%, che si sentirebbe rassicurato se si garantisse “l’osservanza del distanziamento sociale durante la fruizione dell’offerta culturale” o si organizzasse adeguatamente “il distanziamento sociale e una corretta sanificazione degli ambienti (28,3%). E, ancora, per il 15,8% del campione interpellato risulta proficuo “fornire adeguate informazioni sulle misure di protezione sanitaria” oltre ad “assicurare ai visitatori strutture sanitarie efficienti in grado di prestare soccorso in caso di bisogno” (9,4%) e a “intensificare le misure di distanziamento sociale e di sicurezza sanitaria sui mezzi di trasporto pubblico” (5,0%).

 

 

Covid-19. Siena città sicura? Per 1 italiano su 3 è una destinazione turistica poco congestionata. Siena è una meta sicura da visitare nella fase post Coronavirus? Per il 31,5% di chi ha scelto di trascorrere una vacanza in Toscana, Siena è percepita coma “una meta sicura in questo momento”; il 22,7%, inoltre, la ritiene “rispettosa dell’ambiente, pulita e molto curata” mentre per il 13,0% “è una città corretta e rispettosa delle regole di sicurezza sanitaria” o “una città con servizi efficienti e organizzati anche in questa fase di uscita dall’emergenza” (11,3%). Sul versante opposto, una percentuale significativa, pari al 15,8%, non la percepisce “come una città sicura”.

 

Strategie: Siena scommette sul digitale per valorizzare cultura e tradizione. È l’innovazione la parola d’ordine per rendere più sicura, accogliente e attrattiva l’offerta turistica senese. Il digitale, infatti, accompagnerà i turisti nella loro scelta di visitare Siena. In questa direzione, il governo comunale ha messo in campo un integrato piano di iniziative e strumenti capaci di incentivare la domanda a scegliere  la “destinazione Siena” e, successivamente,  di “coccolare” i visitatori nel loro tour in Città garantendo, nel contempo, la piena sicurezza. E, così, si va dall’app Immersive Siena, pensata per ammirare, in realtà virtuale, l’enorme patrimonio culturale del territorio alla piattaforma Top-Net, sviluppata appositamente da Connectis srl di Prato per le esigenze degli Ambiti Turistici Territoriali della Toscana, in grado di garantire un turismo smart rispettoso della sicurezza e del social distancing abilitando il networking fra gli operatori pubblici e privati della destinazione turistica per la gestione delle disponibilità e la prenotazione online di tutti i servizi turistici.

Ma il piano voluto dall’amministrazione comunale non si risparmia nell’ideazione anche di strumenti più “tradizionali”. Ed è proprio per accogliere i turisti che vorranno fermarsi qualche giorno, per apprezzare le tante opportunità offerte dal territorio, che sono stati preparati ben 45 nuovi itinerari. Nove percorsi condurranno i visitatori alla scoperta di una Siena inedita. A questi si aggiunge una collana di nove brevi affascinati piccoli viaggi nei luoghi della fede che interessano tutti i Comuni dell’Ambito Terre di Siena: Siena, Monteroni d’Arbia, Buonconvento, Rapolano Terme, Asciano, Sovicille, Monticiano, Chiusdino, Murlo. Ma nascono anche gli Itinerari del gusto quale manuale per turisti o appassionati gourmet che svela i segreti di prodotti che hanno reso le terre di Siena uno dei principali luoghi della cultura enogastronomica nazionale e internazionale.

E se è vero che città d’arte come Siena si raccontano principalmente attraverso le proprie eccellenze storico-artistiche, è importante comunicare al turista anche la consuetudine del vivere di una città, affinché essa non si trasformi in un mero scenario da cartolina. Le botteghe storiche e gli artigiani senesi sono parte di questo vissuto e rappresentano oggi un patrimonio da scoprire attraverso altri diciotto percorsi assolutamente originali. Attività commerciali conservate come erano originariamente nei secoli scorsi e mani preziose di maestri artigiani che tramandano mestieri che oggi vanno scomparendo in gran parte del mondo.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

ESTRA NOTIZIE

Ad
Ad

Meteo

Meteo Siena