Turismo a gonfie vele anche ad Asciano: aumentano arrivi e permanenza media
28 Apr, 2016
Asciano Collegiata_di_Sant'Agata_800x536

Boom di presenze turistiche ad Asciano che si consacra punto di riferimento per i visitatori nelle Crete Senesi e nell’intera provincia di Siena. E’ quanto emerge da un’analisi dei dati dell’Osservatorio Turistico della Provincia di Siena. Asciano registra infatti un incremento delle presenze di ben il 37,47% nel 2015 rispetto all’anno precedente. Positivo anche il dato sugli arrivi con un +4,62%. “Un dato molto positivo quello sulle presenze che si inserisce in un momento favorevole per tutte le Terre di Siena – commenta il sindaco di Asciano Paolo Bonari -. Siamo il secondo Comune in tutta la provincia in cui le presenze sono cresciute di più in percentuale rispetto all’anno precedente e questo significa due cose: da una lato che tutto il lavoro fatto sulla promozione del territorio in questi primi due anni di mandato sta finalmente dando i suoi risultati e dall’altro lato che l’infrastruttura complessiva di accoglienza sta incoraggiando i visitatori a trascorrere più giorni nelle nostre strutture. La durata media di permanenza è passata da 3 a 4 giorni in appena un anno. Uno dei dati migliori in assoluto, che ci mette anche al riparo dal turismo mordi e fuggi. Adesso – conclude Bonari – l’importante è confermare il dato per l’anno in corso e se possibile migliorarlo”. “Questi dati non rappresentano il punto di arrivo ma un nuovo punto di partenza – aggiunge l’assessore al turismo del Comune di Asciano, Lucia Angelini -. Siamo fieri dei risultati raggiunti ma guardiamo oltre nella consapevolezza che è lungo il tragitto da percorrere seguendo però la strada intrapresa di collaborazione con le associazioni e le strutture ricettive, di nuova promozione e comunicazione dei nostri tesori artistici, storici e naturalistici, di attenta accoglienza e di valorizzazione di progetti innovativi che riguarderanno i nostri musei come la via Lauretana, la nostra offerta culturale come la salvaguardia delle eccellenze enogastronomiche”.