Truffe online, senese paga 600 euro ma venditore e complice spariscono: denunciati dai carabinieri
12 Lug, 2018
caserma carabinieri siena viale bracci

Proseguono, numerose, le truffe online. L’ultimo caso ha riguardato un senese di 62 anni che qualche settimana fa aveva rintracciato a prezzi convenienti delle macchine agricole. Attratto da questa occasione, l’acquirente ha contattato il venditore che, per bloccare l’affare, gli ha chiesto un anticipo di 600 euro da versare su una carta Postepay. Effettuata la transazione, l’annuncio e l’inserzionista sono spariti e il truffato si è rivolto ai Carabinieri di Rosia per fare denuncia. Con l’ausilio delle Poste Italiane i militari sono risaliti al vero titolare della carta ricaricata, che non era un cittadino dello Sry Lanka, come appariva a prima vista, ma un 64enne noto alle cronache per episodi analoghi e residente in Emilia Romagna. I carabinieri hanno rintracciato anche il reale utilizzatore dell’utenza cellulare dalla quale era partito il raggiro: un 52enne, con precedenti denunce per fantasiose truffe portate a segno, pure lui residente in Emilia Romagna, che spesso si era relazionato con l’altro truffatore. Entrambi sono stati denunciati per truffa aggravata ma i soldi versati dal 62enne senese avevano già preso il volo.