Prima pagina

Truffe olio: quello “bono” lo riconosci con iOlive

Contro le frodi che ingannano i consumatori, spacciando olio scadente per olio ‘bono’, c’è anche l’App salva-truffe per tutelare il vero extravergine d’oliva, inventata un agricoltore toscano. L’App ha vinto all’Expo di Milano, poche settimane fa, l’Oscar Green, l’evento che premia le migliori idee innovative dei giovani agricoltori italiani.

L’App si chiama iOlive, ed è una piattaforma informatica che aiuta i consumatori a vedere la carta di identità dell’olio che stanno comprando/gustando e pure gli addetti ai lavori, come gli assaggiatori ufficiali delle camere di commercio e a tutte le aziende della filiera.

“Senza tutela il nostro agroalimentare non ha futuro. Con questa App smascheriamo il falso olio Made in Tuscany e difendiamo imprese e lavoro -spiega Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana-”.

IOlive ‘racconta’ tutta la storia dell’oro verde, dal ramoscello staccato dall’olivo madre, all’olio in tavola. Quel ramoscello, che diventa pianta, si trasforma in un certificato disponibile a tutti gli appartenenti al circuito dell’extravergine toscano e nelle etichette dei clienti, attraverso codici ‘Qr’.

L’idea e la realizzazione è di Pietro Barachini, titolare della Spo, Società Pesciatina di Orticoltura, che insieme all’ingegnere Dario Gronchi.

Questi due futuristi dell’agricoltura hanno realizzato anche il metodo Coi, che ruota attorno al mondo di ‘iOlive’. Insomma “la vera lotta alla contraffazione dell’extravergine. Se fino ad oggi poteva bastare avere qualche assaggiatore certificato sospettoso di essere troppo amico dell’azienda così da favorire qualche produttore a danno di altri e dei consumatori, ecco il sistema rivoluzionario che trafigge l’artificio. Una giuria di assaggiatori certificati, che agiscono da diverse parti del mondo, riceveranno il campioncino dell’olio, senza sapere neppure da chi sia stato prodotto, e lo valuteranno attraverso i sistemi scientifici del sistema ‘Coi’. Ecco come diventa credibile la valutazione su cosa realmente sia e cosa no extravergine.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

I più letti