Sport

Trofei Mens Sana: l’istituto della vendite giudiziarie sul patrimonio all’asta

La presente a seguito ed in merito alle varie notizie sull’argomento fallimento Mens Sana Basket spa, in parte pericolosamente errate e fuorvianti, apparse su internet, sulle cronache locali e nazionali di varie testate.
A tutela prima dei creditori del fallimento in oggetto, fra cui molti giovani dipendenti e piccoli fornitori alcuni in grave difficoltà per la perdita del credito dovuto, ci sentiamo in dovere di scrivere il presente comunicato al fine di tutelare la procedura, il sistema giudiziario locale, i numerosi creditori come sopra evidenziati ed, infine, l’attività professionale che, faticosamente ed oltre al mero tornaconto economico, stiamo svolgendo per questa procedura e per la Collettività a cui, meno male, sta ancora a cuore le sorti della storia sportiva senese, ovvero per chi può ancora impossessarsi di qualche storico ed amato gadget di una gloriosa storia sportiva di oltre 10 anni a cui tutti ci eravamo abituati ed improvvisamente ne siamo stati sottratti.
Cominciamo con il precisare che l’Istituto Vendite Giudiziarie è un servizio pubblico locale come altri e nell’esercizio della sua funzione assume gli obblighi e le responsabilità di pubblico ufficiale in quanto è ausiliare istituzionale diretto dell’Autorità Giudiziaria, ciò accade nel caso di specie.
Da quanto affermato deriva che lo scrivente Servizio non possiede una propria autonomia operativa, ma risponde in maniera diretta del suo operato perfettamente delegato e, sotto il profilo penale, anche di ogni sua omissione. In particolare ad onor del vero e rispetto ad altre realtà giudiziarie lo staff dell’IVG senese è costituito, proprio per la complessità e delicatezza delle attività giudiziarie complesse che è chiamato a svolgere a 360°, da entusiasti operatori professionali grandemente qualificati, in gran parte giovani laureati provenienti professionalmente da ambito giuridico ed economico che, dopo un necessario percorso in affermati studi professionali, per ricoprire il delicato e difficile ruolo di ausiliari del giudice hanno affrontato un’accurata formazione e selezione al fine di ottenere il necessario riconoscimento ministeriale. Non si tratta dunque, come qualcuno può pensare, di meri venditori, ma di qualificati professionisti del settore che, conoscendo con esperienza ultra decennale la procedura giuridica, studiando tecnicamente e profondamente ogni giorno il Mercato e le caratteristiche dell’Utenza giudiziaria italiana o estera, elemento che in particolare in Italia dove volano per opera di interessati sull’argomento tante strategiche leggende ad excludendum al fine dell’altrui massimo guadagno, ne sanno curare con molto impegno, investimento e sforzo ogni aspetto mitigandone possibilmente spesso le negative conseguenze a vantaggio delle parti in atti, della trasparenza, dell’efficacia e del sistema giudiziario locale. Quanto affermato sta alla base della migliore vendita coatta oggi possibile.
Il personale IVG aretino-senese è costituito da circa 40 operatori, ben consapevolmente agisce sul mandato ricevuto considerando che la vendita del fallimento Mens Sana costituisce un momento delicato ed infelice per la cittadinanza senese nonchè per tutti gli appassionati e, operando in questo territorio, non può di per sè non maturare anch’esso aspetti sentimentali che ovviamente fanno parte della natura umana e dell’appartenere ad una secolare realtà cittadina di primo livello.
Tuttavia la storia di una gloriosa società sportiva in disgrazia, di una squadra di basket che ha raccolto negli anni al vertice molti successi nazionali ed internazionali come anche altre sue squadre giovanili bianco-verdi nei campionati di formazione è potuta essere tale anche grazie alle tante persone, giovani e meno giovani, che hanno prestato il proprio lavoro alle dipendenze della società stessa o a fornitori che con la loro arte hanno tentato di dare ai propri Campioni, alla Città il miglior confort ed immagine.
E’ proprio a queste persone, parte debole della vicenda, a cui il nostro compito pubblico, nostro malgrado spesso incautamente non gradito, si deve primariamente rivolgere. Affinché alla fine del nostro incarico e del nostro sforzo straordinario rispetto ad altre volte, questi siano in grado di recuperare almeno parte di quel denaro necessario per adempiere a quegli obblighi personali o familiari assunti magari in momenti nei quali si pensava che la storia e la struttura della Mens Sana Basket non potesse avere mai fine.
Per i motivi di cui sopra, per la sentita senesità anche di questo gruppo di operatori, su autorizzazione della curatela fallimentare alla quale siamo chiamati costantemente a rispondere, abbiamo attivato una ben più faticosa vendita al dettaglio al doppio fine sia di ricavare da ogni singola vendita del materiale rinvenuto il miglior ricavato possibile, sia, parimenti o forse di più, per permettere al Territorio di appartenenza, agli appassionati di questa gloriosa storia la possibilità di ammantarsi con poca spesa di almeno una maglia storica ovvero di un bel capo nuovo d’abbigliamento sportivo bianco verde di ottima fattura, tutto questo sempre operando nell’interesse della procedura. Ben più facile e meno oneroso da ogni punto di vista per il personale ivg sarebbe stato, come accade qualche volta per mancanza di tempo utile giudiziario, vendere in unico lotto tutto il materiale ritrovato nella società sportiva a grossisti che in Italia comprano tutto molto spesso a prezzi irrisori o addirittura a peso e rivendono chissà in quale parte del Mondo con molte plusvalenze sfuggenti alle procedure giudiziarie, questo accade proprio per la carenza tecnica normativa di tempi quando nella Giustizia si ordina coattivamente poi la vendita di beni. Così facendo ai senesi non sarebbe restato niente o certo poco.
Le cifre diffuse su giornali o internet (alcune farebbero erroneamente pensare ad una ipotetica vendita di 10 euro ad oggetto) attengono alla vendita in blocco dei capi di abbigliamento che non sarà esperita se non dopo che gli appassionati avranno avuto tutto il tempo di scegliere e comprarsi con vera soddisfazione un pezzo di storia biancoverde, capi extra coppe che risultano di fatto essere oltre 2.000 per un valore complessivo attribuito in sede di perizia pari ad Euro 4.500. Evidenziamo che il materiale sportivo rinvenuto annovera tutta roba nuova: numerosi polsini, gagliardetti della società, cappellini, una grossa quantità di costosi capi di abbigliamento di ottima fattura per lo sport, inverno ed estate, palloni nuovi eurolega e minibasket, accessori vari. Tutto materiale che ad ingresso libero viene messo con tanto lavoro
regalato in distribuzione ogni pomeriggio a chi dell’intera Collettività lo vuole dopo averlo magari provato, a prezzi minimi rispetto a qualsiasi negozio. Completi per gente alta o per bambini, tute per coprirsi in una passeggiata o maglie per sudare in un playground oppure una maglia personalizzata solo per sentirsi per un attimo un ex Campione biancoverde, uno Stonerook, o un Moss, o un Ress, o un Carraretto, con un unico comune denominatore ben visibile: IO VESTO E SONO DELLA MENS SANA SIENA! Un trattamento di alienazione doverosamente separato riceveranno le gloriose coppe, i trofei e le maglie personalizzate autografate dei vari campioni mensanini di ogni scudetto.
Proprio perché tali oggetti possiedono un intrinseco valore affettivo, oltre che commerciale, superiore l’ordinanza di vendita del Giudice Delegato prevede per questa tipologia di oggetti una gara competitiva online da effettuarsi il 3 giugno p.v. dalle ore 8,00.
A differenza di come molti erroneamente pensano, tali gare online si svolgeranno a lotti a partire dai prezzi base peritali con gare di un’ora ciascuna, a partire dalle ore 8 con rilanci minimi di € 10 o multipli, anche last second; questi ultimi potranno far prolungare le gare stesse di un minuto ulteriore fino ad esaurimento inoltri.
Qualora il primo esperimento risultasse deserto ne seguiranno altri dopo un’ora con prezzi base di partenza progressivamente ridotti fino ad arrivare alla fine della serata, quando i lotti risultati fino ad allora deserti saranno proposti partendo dalla maggiore offerta inoltrata ed aggiudicati nello stesso modo di cui sopra all’ultima migliore.
A tal proposito invitiamo gli interessati a recarsi sul sito www.siena.astagiudiziaria.com al fine di verificare i meccanismi di partecipazione all’alienazione dei beni Mens Sana, ovvero al portale azionale www.BENIMOBILI.IT per quel ristretto numero di lotti che saranno messi in gara on line. Il perché di tali gare appare ben evidente, solo in tal modo verrà garantita trasparenza e competizione alla gara attraverso il nuovo metodo di partecipazione introdotto recentemente dal Legislatore con la riforma dell’art. 530 cpc. Il sistema della vendita on line con modalità di gara telematica a tempo, attraverso la partecipazione dei cittadini comodamente da casa, meglio garantisce a volte la realizzazione delle finalità cui è preordinata la vendita giudiziaria: soddisfare le ragioni dei creditori attraverso la liquidazione dei beni in tempi rapidi ed al maggior prezzo di realizzo possibile nel Mercato.
Ma per garantire proprio a chiunque di poter gareggiare, anche e soprattutto a chi non sa usare internet, ad esempio spesso gli anziani, questo IVG locale metterà a disposizione di chi vorrà la propria struttura ed il proprio personale perchè possano partecipare alle gare comunque: infatti chiunque interessato del Pubblico potrà venire presso il ns sportello, iscriversi, farsi identificare, versare una cauzione e, partita la gara, inoltrare le proprie offerte al personale ivg che in tempo reale le provvederà ad inserire nelle gare in corso garantendo a tutti lo stesso diritto di partecipazione ed aggiudicazione!
Con questo comunicato che porta vera luce in tanta disinformazione, forse voluta, riteniamo che si possano tranquillizzare quanti ritengono che il patrimonio Mens Sana basket spa sarà svenduto: noi ci opporremo. Tuttavia, siamo ben consapevoli che se per svendita come letto da qualche parte s’intende una svendita morale della gloriosa Mens Sana, allora purtroppo nessuna modalità di vendita potrà mai placare questo sentimento e certamente questo Ufficio ed il proprio personale non ha alcuna responsabilità, quella è da rintracciare altrove.
Quindi, considerato che quanto uscito in cronaca potrebbe fino ad oggi aver allontanato per difetto d’informazione molta gente invece interessata da un libero acquisto di un gadget Mens Sana in verità fino al 28 di maggio p.v. perfettamente disponibile a chiunque, con la presente lettera invitiamo codesta redazione a riprendere la notizia sulle proprie colonne ed a informare meglio e più compiutamente il proprio Pubblico che ha tutto il diritto di ben conoscere precisamente la situazione in essere e di poter meglio partecipare se desiderato.
Naturalmente tutto il personale IVG presso i Tribunali di Arezzo-Siena è a completa disposizione di chiunque per ogni ulteriore approfondimento necessario ovvero per poter far vedere direttamente quanto organizzato a disposizione del Pubblico.
Certi di aver contribuito alla migliore trasparenza ed informazione sul tema, ringraziamo dell’attenzione porgendo distinti saluti.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena