Home Slide Show Prima pagina

Trasporto e mensa scolastica all’attenzione del consiglio comunale

Durante il Consiglio comunale di ieri, Alessandro Masi e Luca Micheli (PD) per l’emergenza Covid-19 hanno portato all’attenzione del Consiglio comunale i temi del trasporto e della mensa scolastica in sicurezza.

Masi nel ricordare che a giugno la Commissione consiliare “Cultura e Scuola” aveva approvato all’unanimità un documento dove si invitava l’Amministrazione a mettere a disposizione e utilizzare spazi alternativi ai plessi scolastici, così da favorire il distanziamento fisico previsto dalla normativa, ha evidenziato come abbia appreso dalla stampa che <<le lezioni continuano ad essere effettuate nei plessi scolastici sacrificando gli spazi deputati a mense, palestre e luoghi di incontro>>. Il consigliere ha quindi chiesto <<se il piano mensa e trasporti sono stati concordati con le istituzioni scolastiche, e se gli ingressi e le uscite sono scaglionati secondo quanto consigliato dal CTS (Comitato Tecnico Scientifico) per evitare assembramenti>>.

Nel rispondere all’interrogazione, l’assessore all’Istruzione Paolo Benini ha voluto sottolineare <<il grande impegno di tutti gli operatori e la loro preziosa collaborazione che hanno permesso di applicare il protocollo organizzativo e di sicurezza nel pieno rispetto dei DPCM e delle Linee Guida regionali arrivate non tempestivamente. Lo scopo ovviamente è stato, e sarà, quello di ridurre percentualisticamente il rischio di contagio>>. Informando poi che <<si è voluto sostenere il servizio mensa anche con l’acquisto di apposite stoviglie pur  seguendo il progetto di “scuole nelle scuole”, le cosiddette classi bolle,  evitando luoghi di promiscuità e scambio come potevano essere le mense stesse. Per questo si è deciso di utilizzare spazi in maniera alternativa>>. Benini nel riportare all’aula le riunioni effettuate con l’Asp, alle quali era presente anche l’Asl, così da evitare il lunch box <<perché – come ha evidenziato – il pasto è una cosa  importante e, per questo,  è stato aumentato il numero di sporzionatori permettendo che il servizio fosse correttamente funzionante>>.

Per quanto riguarda il trasporto scolastico, ha proseguito, il Comune <<ha aperto due volte le domande online perché in un primo momento è stato registrato un calo di richieste da attribuire, sicuramente, alla paura del contagio da Covid-19. A tal riguardo sono stati programmati incontri nei quali, dopo le ultime linee guida che prevedevano l’utilizzo degli autobus a pieno carico solo negli ultimi 15 minuti di corsa, sono stati studiati percorsi ad hoc. Un lavoro di squadra, dunque, come quello svolto con l’assessorato ai lavori pubblici che ha portato alla luce alcune criticità soprattutto in quei plessi con numerosi iscritti non residenti, stimolando riflessioni su come trovare una migliore distribuzione della popolazione scolastica in relazione alle densità abitative>>. Benini ha, inoltre, osservato che nelle scuole senesi, in particolare distribuiti su due plessi, sono presenti circa

350 studenti non residenti in città e per i quali l’amministrazione non recepisce alcun introito dai comuni di provenienza. <<Per contro – ha detto – che 76 studenti senesi studiano nella scuola di Asciano, e per questi il comune di Siena paga circa 46mila euro all’anno. Da qui la necessità di approfondire la questione per giungere ad una soluzione più equilibrata, se del caso>>.

Pur essendo <<un’interrogazione ex post>>,   ha replicato Masi <<introduce un argomento che sarà opportuno affrontare anche nei prossimi mesi perché i giovani rappresentano il capitale sociale più importante per la nostra società>>.  Il consigliere, nell’esprimere la sua <<soddisfazione per il lavori relativi alla messa in sicurezza delle scuole svolti dai Lavori Pubblici>>, ha, però, dichiarato che <<per il prolungarsi dello stato di emergenza, come anticipato dal Governo, non ci possiamo accontentare dei limiti che, comunque, i ragazzi affrontano nel pasto al banco e nelle diverse attività. Ecco che è urgente fare un punto della situazione anche nelle Commissioni consiliari, per migliorare ancora le risposte per le comunità scolastiche della nostra città>>.

 

RADIO STREAMING POPUP

Ad

ESTRA NOTIZIE

Ad
Ad

Meteo

Meteo Siena