Prima pagina

Trasporti, la Giornata della legalità. Iniziativa congiunta Arezzo e Siena

“Stamani abbiamo voluto testimoniare e rendere pubblica la nostra preoccupazione sul futuro del trasporto e sui rischi di illegalità che lo interessano. Per la Filt Cgil – commenta il Segretario provinciale di Arezzo, Massimo Lanucci – è ormai inderogabile una legge regionale in tema di appalti nel nostro settore. Sono in gioco il futuro del settore e l’occupazione”.

Le federazioni dei trasporti Cgil di Arezzo e Siena hanno organizzato insieme il presidio tenuto stamani a Foiano della Chiana. Una giornata della legalità che ha interessato tutta la Toscana all’insegna della frase “I diritti non si appaltano”.

“Le nostre richieste – continua Lanucci – sono relative al rispetto dei contratti di lavoro e delle regole, alla legalità negli appalti di logistica e distribuzione delle merci, alla promozione della legalità su tutti i territori. Chiediamo, soprattutto, una legge della Regione Toscana sugli appalti privati”.

L’allarme della Filt nasce dall’analisi della situazione nel paese. “Assistiamo alla progressiva deregolamentazione del settore dell’autotrasporto – commenta Giovanni Fedini, responsabile della sezione legalità della Filt toscana. E’ sempre più in difficoltà di fronte al cabotaggio e ai distacchi transnazionali dove l’Italia ancora non ha disciplinato in maniera decisiva la derivante concorrenza sleale, sia per i tempi di lavoro, di guida, e di godimento dei riposi dovuti al personale viaggiante, come hanno fatto altri Paesi Europei come, ad esempio, Germania e la Francia”.

Secondo la Filt Cgil, “i fenomeni di illegalità si devono combattere attraverso la riformulazione di regole, di leggi adeguate ad una nuova regolamentazione legislativa a livello nazionale e regionale sugli appalti pubblici e privati, che abbiano alla base centri di costo in grado di determinare la congruità delle tariffe per le eventuali assegnazione del lavoro esternalizzato ed in appalto che veda al centro dei costi di gestione in primo luogo la piena applicazione del Contratto Nazionale di Lavoro”.

“Ci stiamo impegnando – continua Fedini – affinché gli appalti siano definiti e assegnati ad una prima e sola stazione appaltante; che i lavoratori vengano assunti in qualità di dipendenti diretti piuttosto che in veste di soci lavoratori, fino a giungere in alcune circostanze, con grandi committenti, ad attivare procedure di reinternalizzazione del lavoro laddove si erano registrate gestioni al limite della illegalità, a fronte di una organizzazione del lavoro che aveva perfino disperso professionalità, produttività individuale e di sistema”.

Per la Filt Cgil è quindi necessario che “la Regione Toscana definisca una nuove legge sugli appalti che comprenda anche il settore privato al fine di garantire legalità, trasparenza diritti e tutele ai lavoratori e concorrenza leale alle imprese”.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena