Toscana Arcobaleno d’Estate, tanti eventi anche a Siena
17 Giu, 2016
Toscana Arcobaleno Estate

Dal 17 al 21 giugno torna Toscana Arcobaleno d’Estate, la grande festa organizzata dalla Regione Toscana con il supporto di Toscana Promozione Turistica, Fondazione Sistema Toscana e QN-La Nazione con l’obiettivo di offrire ai turisti e ai toscani, ai comuni e agli operatori del settore, un cartellone di richiamo con il quale valorizzare l’avvio della stagione. Saranno cinque giorni di festa con oltre 260 iniziative in programma in tutta la Toscana. Dal brindisi sulla spiaggia o in cima all’Abetone, dalla cocomerata a bordo piscina all’elezione di Miss Arcobaleno, dai concerti, ai Festival, agli spettacoli di piazza che vedranno tra i protagonisti Enrico Ruggeri, Claudia Gerini, Serena Autieri, Paolo Ruffini, Cristiano Militello, David Pratelli, David Riondino, Danilo Rea, solo per citarne alcuni.

A Siena sarà protagonista la musica con l’atteso concerto del grande pianista Danilo Rea sabato 18 giugno in piazza Provenzano e la maratona di musica non-stop di martedì 21 giugno – grazie all’adesione dell’Istituto di Studi Musicali Rinaldo Franci e Siena Jazz – all’Auditorium di Santa Chiara, seguito alle 21 in piazza del Campo dal concerto organizzato da Fabbrica d’Opera, che diventerà il concerto di tutta la Toscana sotto l’Arcobaleno d’Estate. Particolarmente fitto sarà altresì il programma degli eventi in provincia, con l’imbarazzo della scelta, soprattutto per chi ama il buon vino: “Orcia Arcobaleno” è il brindisi collettivo in programma domenica 19, organizzato dalla Fisar delegazione Valdichiana in sette cantine Orcia; a Monteriggioni, sempre il 19, al via Castle Music Fest. Gianluca Guidi in “That’s Life” si esibirà in un tributo a Frank Sinatra. Sabato 18 all’Archeodromo di Poggibonsi, David Riondino presenterà “Erec et Enide”, un adattamento da Chretien De Troyes (alle 18.45 e alle 19.30 in replica). A Montepulciano il 18 e il 19 giugno in programma tour fotografico e degustazione sulla terrazza panoramica del Palazzo Comunale. Al Museo Etrusco di Chianciano Terme sabato 18 c’è “Calici a Km 0”: dalle ore 21 un brindisi eccezionale per salutare l’arrivo dell’estate.

“Da domani in Toscana c’è Arcobaleno d’Estate – afferma Stefano Ciuoffo, assessore al Turismo e alle Attività produttive della Regione Toscana – è tutto pronto per un cartellone ricchissimo che proseguirà fino al 21 giugno. Cultura, divertimento, musica e enogastronomia faranno da leitmotiv accogliendo quanti vorranno partecipare agli eventi nelle grandi città ma anche in luoghi meno noti, ugualmente ricchi di fascino e di storia. La nostra Regione, con Arcobaleno d’Estate dimostra di avere un tessuto sociale vivo in cui comuni, associazioni di categoria, associazioni culturali sono stati chiamati a fare sinergia con le Istituzioni con un unico obiettivo condiviso: promuovere il turismo in Toscana. Ricordiamo che la stagione estiva rappresenta oltre il 60% del flusso turistico di tutto l’anno – continua l’assessore Ciuoffo – e le previsioni per quest’anno ci lasciano ben sperare dal momento che parlano di un +3% rispetto al 2015, che in termini numerici significa 25 milioni di presenze”.

L’obiettivo di Arcobaleno d’Estate è valorizzare la Regione in ogni suo aspetto, fino al più piccolo borgo. Una Toscana multiforme, capace di rispondere alle necessità di un viaggiatore esigente alla ricerca di vacanze al mare o in montagna, mostre d’arte, escursioni o eccellenze enogastronomiche. Tutte queste facce sono raccontate da Arcobaleno che mette in evidenza destinazioni adatte per ogni tipo di turismo, una potenzialità enorme per promuovere la Toscana nel suo insieme grazie alla sinergia fra soggetti pubblici e privati.

“Il sistema Toscana ha molte frecce al suo arco – conclude l’Assessore – a partire dagli strumenti di promozione messi a disposizione da Toscana Promozione Turistica e Fondazione Sistema Toscana. Quello di oggi è un banco di prova per aiutare a comunicare il territorio che, con la nuova governance del turismo regionale dettata dal mutando quadro normativo, vedrà sempre di più protagonisti i comuni, consapevoli che le attuali condizioni socio-politiche internazionali possono favorire la riscoperta di destinazioni interne, recuperando turisti che in passato e in altre situazioni, sarebbero andati all’estero”.