Tondo (Caritas Diocesana): “Ci sono tante persone che rifiutano di farsi aiutare”
25 Gen, 2016
caritas

Ha destato molto sconcerto in città, anche perchè è la prima volta che accade a Siena, la morte in uno scantinato del centro storico dove aveva cercato rifugio per la notte, di un senza tetto 46enne, originario di Enna, che da alcuni mesi era arrivato in città. Sembra che l’uomo però non abbia mai chiesto aiuto alle strutture che si occupano di queste persone, una rete che tra l’altro a Siena è anche piuttosto bene organizzata. “Parlare in occasione di queste tragedie non è semplice – ha detto ai microfoni di ARE Giovanni Tondo direttore della Caritas Diocesana – ma dobbiamo farlo, ma dobbiamo pur dirci qualcosa perchè è una questione che riguarda l’uomo e il suo mistero, perchè non si entra mai in profondità in ciò che una persona ha dentro. E credo che questo sia il caso di quest’uomo, che noi non abbiamo mai avuto modo di incontrare nè nei giri che facciamo la sera per monitorare le varie situazioni, nè al nostro centro di ascolto. Del resto ci sono diverse persone che si rifiutano di accettare la nostra ospitalità e in quei casi non possiamo obbligarli. Ci limitiamo a controllare le loro condizioni di salute e che le loro relazioni siano nei limiti della convivenza civile”