Prima pagina

Tifosi Robur, l’occupazione della sede va avanti. Mulinacci: “Ponte il peggior presidente che il Siena abbia mai avuto”

Continua l’occupazione della sede del Siena da parte dei tifosi bianconeri che hanno trascorso la notte nei locali. La motivazione è chiara: chiedere a Ponte di firmare per la cessione della squadra ad Anna Durio. “Sta attuando una forma di ricatto per avere più soldi- ha detto Lorenzo Mulinacci, presidente dei Fedelissimi, ai microfoni di Are -, noi questo non l’accettiamo, lui quando ha ceduto il 74 per cento delle azioni a febbraio in cambio dei 2 milioni dati dall’imprenditrice ligure, ha deciso di cedere il Siena e ora deve ottemperare agli impegni firmando la definitiva cessione. Per noi è il peggior presidente che abbia avuto il Siena e pensare che quando è arrivato lo abbiamo accolto volentieri. Ponte non si è presentato dal notaio per firmare la cessione, ieri invece è andato in questura per manifestare preoccupazione per la nostra occupazione della sede del Siena. Non siamo qui per distruggere niente, vogliamo manifestare il nostro disappunto e continueremo l’occupazione fino a quando non ci saranno fatti nuovi”.
Intanto ieri l’avvocato Amato, rappresentante di Anna Durio ha presentato il ricorso al tribunale. “Ieri sera l’avvocato Amato ci ha spiegato che quando Anna Durio ha versato i 2 milioni di euro nelle casse del Siena ha avuto a garanzia il 74% delle azioni della Robur che in quel momento erano in possesso di Ponte, salvo poi, entro il 30 giugno, trovare un accordo per la cessione del 98%. Il problema è lì, perchè la cessione della società è legata al 98% e il prezzo deve essere trovato su questa cifra. Se Ponte però non si presenta dal notaio per il rogito ci si deve rivolgere al tribunale, che è quello che è stato fatto”.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena