Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

Terzo Settore, sì alla somministrazione secondo le regole dei bar. Cenni (PD): «Una vittoria per i circoli»

Una vittoria per i circoli del Terzo Settore: d’ora in poi potranno, anche loro, somministrare alimenti e bevande come le altre attività economiche, seppur nel rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid. È quanto previsto dal nuovo Decreto-legge per il contenimento dell’epidemia che è stato approvato oggi alla Camera.

«La sospensione delle attività culturali e sociali non determina la sospensione delle attività di somministrazione di alimenti o bevande delle associazioni ricomprese tra gli enti del Terzo Settore che possono proseguire nel rispetto delle condizioni e dei protocolli di sicurezza stabiliti per le attività economiche aventi il medesimo oggetto e secondo modalità tali da evitare qualsiasi forma di assembramento, anche occasionale e qualsiasi forma di aggregazione»: è questo, infatti, il contenuto specifico di uno degli articoli approvati nella seduta di oggi.

 

«Permettere anche ai circoli ricreativi delle associazioni no profit e del Terzo Settore di potere svolgere le attività economiche complementari, come la somministrazione di alimenti e bevande effettuata a beneficio dei soci, nel pieno rispetto delle limitazioni attualmente vigenti per bar e ristoranti – commenta l’onorevole Susanna Cenni (PD) – era una richiesta sentita da molti ed è un bene che sia stata finalmente recepita».

 

A più riprese, nelle scorse settimane, i circoli e le associazioni del Terzo Settore avevano lanciato questo grido d’allarme, chiedendo che fosse riconosciuta la loro funzione, anche come presidio sociale sui territori.

 

«Il Governo precedente – aggiunge Cenni – si era assunto un impegno nei confronti dei tanti volontari, inserendo i ristori nell’ultimo Decreto Natale. Sul tema molti parlamentari si sono attivati con emendamenti ed altri atti, come il mio ordine del giorno. Oggi si fa un passo in più, dando a queste realtà la possibilità di continuare a svolgere la loro funzione, seppur nel rispetto di tutti i protocolli già attivi per bar e ristoranti. È stata rimossa una discriminazione e si è riconosciuto il grande impegno di tanta rete del volontariato che anche in questo periodo si è messa a disposizione del Paese».

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena