Prima pagina

Tenta il suicidio con un mix di farmaci e alcool, donna salvata dai carabinieri e dal datore di lavoro

L’intuito del datore di lavoro e la perseveranza dei carabinieri hanno salvato la vita ad una donna della provincia di Siena, che ha tentato il suicidio ingerendo un cocktail di farmaci antidepressivi e alcool. Quando la donna ha chiamato sul posto di lavoro per avvertire che quella mattina non sarebbe andata, il titolare ha capito subito che c’era qualcosa che non andava, ha percepito il profondo stato di malessere della dipendente, che sapeva soffrire di depressione, e ha chiamato il 112, raccontando i propri timori. Una pattuglia ha raggiunto l’abitazione della donna, che però si era allontanata a bordo della sua auto, senza lasciare indicazioni. Dalla centrale operativa intanto i militari tempestavano di telefonate il cellulare della donna, che continuava a squillare a vuoto. Dopo numerosi tentativi, finalmente, la donna ha risposto, ma era in stato confusionale e non reagiva alle domande. L’importante era trattenerla in linea, perchè venisse localizzata, prima possibile. Dopo febbrili ricerche, che hanno impegnato ben sei pattuglie, la macchina è stata individuata nelle campagne intorno a Casole d’Elsa. All’interno c’era la donna, in stato di semi incoscienza, che è stata subito trasferita al pronto soccorso dell’ospedale di Siena.