Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

Tamponi: perché, quando e come. Tutte le indicazioni da seguire

La domanda è semplice: in quale caso devo o posso fare il tampone? La casistica è ampia. Ecco una sintesi delle possibili situazioni. Tutte le prestazioni sono gratuite ad eccezione del tampone fatto volontariamente e che è l’ultimo caso di questa lista. Le indicazioni sono quelle valide ad oggi e sono quindi suscettibili di modificazioni future sulla base di decisioni che potrebbero venir assunte da istituzioni ed enti competenti.

Sintomatico
Ho i sintomi del Covid. Il primo passo è contattare il medico di famiglia che mi farà la prescrizione per il tampone. Questo è obbligatorio, così come l’isolamento fino al risultato del test. Qui inizia il percorso che porterà il Servizio di Prevenzione dell’Asl a casa mia per il tampone. Potrò leggere (e con me lo faranno sia il mio medico che l’Usca) l’esito sul fascicolo sanitario elettronico (FSE). Se negativo, potrò tornare alla mia vita normale. Se positivo  sarò preso in carico dall’Unità Speciali di Continuità Assistenziale (Usca) oppure dal mio medico di base e dovrò rimanere in quarantena fino alla scomparsa dei sintomi. Sarò clinicamente guarito dopo aver effettuato 2 tamponi negativi consecutivi.

Contatto di caso
Sono stato a contatto con una persona positiva al Covid e per questo vengo avvisato telefonicamente dal Servizio di igiene pubblica dell’Asl. Il tampone è, anche in questo caso, obbligatorio. Rimango in isolamento per 14 giorni dal momento della comunicazione e alla fine di questo periodo, il Servizio Asl viene a casa mia per farmi il tampone. L’esito, come nel caso precedente, nel FSE. Se negativo, torno alla normalità; se positivo vado in quarantena come nel caso precedente del sintomatico e sono preso in carico dall’Usca o dal mio medico. Al termine di questo periodo, mi verrà fatto un altro tampone. Sarò clinicamente guarito dopo 2 tamponi negativi consecutivi.

Viaggiatore che rientra da Malta, Grecia, Spagna, Croazia
Al momento del mio rientro in Italia mi registro sul sito della Regione Toscana https://www.prevenzionecollettiva.toscana.it/welcome/pages/segnalazione_estero.html Anche in questo caso vado in isolamento e farò l’obbligatorio tampone. Per farlo vengo contattato dal servizio sanitario per effettuare il tampone in modalità drive thru. L’esito finisce  nel FSE  e lo posso anche richiedere al mio medico di famiglia . Qualora risultassi positivo, verrei avvertito dall’Asl e sarei preso in carico per il periodo di quarantena. Sarò clinicamente guarito come nei casi precedenti.

Viaggiatore che rientra da paesi UE e paesi Schengen
In questo caso non ho l’obbligo del tampone. Posso  telefonare al numero verde regionale 800556060 per informazioni e se decido di fare il tampone, verrò contattato dal servizio sanitario per effettuarlo in modalità drive thru. L’esito sarà presente all’interno del FSE ma lo potrò anche chiedere al mio medico. Se positivo verrò  avvertito dal servizio di Prevenzione e sarò preso in carico per il periodo di quarantena. Sarò clinicamente guarito come descritto nei casi precedenti.

Viaggiatore che rientra da paesi al di fuori dell’Europa e dell’area Schengen oppure da Bulgaria o Romania
In questi casi si torna al tampone obbligatorio. Non all’inizio dell’isolamento ma al suo termine. Il  primo passo è la registrazione  sul sito della Regione Toscana https://www.prevenzionecollettiva.toscana.it/welcome/pages/segnalazione_estero.html. E quindi l’isolamento per 14 giorni al momento del rientro in Italia nonché.
Rimango in isolamento e alla fine del periodo, il servizio sanitario provvede a farmi il tampone a domicilio.  L’esito sarà presente all’interno del FSE ma lo potrò anche chiedere al mio medico. Se positivo sarò  avvertito dal servizio di Prevenzione e sarò preso in carico per il periodo di quarantena. Sarò clinicamente guarito come nei casi precedenti.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena