Che spettacolo

Sul palco dei Rinnovati i detenuti attori della Compagnia della Fortezza in “Santo Genet”

Ispirato al saggio che Jean Paul Sartre dedicò nel 1952 all’amico Jean Genet, contribuendo a far nascere il mito contraddittorio dell’eccentrico scrittore francese, “Santo Genet”, lo spettacolo in programma per venerdì prossimo, 27 marzo, al Teatro dei Rinnovati.

Il drammaturgo e regista Armando Punzo fa rivivere le avventure di Genet da vagabondo e avventuriero tra carcere, crimine, passioni politiche e slanci erotici, attraverso i corpi e le voci dei detenuti-attori della Compagnia della Fortezza del “Centro Teatro e Carcere” di Volterra, ottenendo una voluta confusione tra realtà e finzione, biografia e autobiografia.

Il risultato è un poetico e colorato omaggio all’artista parigino da parte di uomini che, come lui, vivono quotidianamente sul filo dell’ambiguità, avendo trasformato la dura realtà del carcere in un luogo di bellezza e arte. Gli attori diventano così la vera incarnazione del messaggio dell’opera di Genet: “la bruttezza è bellezza in riposo”. genet1

La prevendita dei biglietti è attiva fino a mercoledì 25 al numero del call center 0577 292614-15 in orario 9,30/12,30; oppure, on line sul portale www.comune.siena.it nella sezione “Biglietteria teatri e musei” dei servizi on line.

La vendita diretta al botteghino dei Rinnovati, invece, è in funzione giovedì 26, dalle 17 alle 20, e nella stessa data di rappresentazione dello spettacolo, a partire dalle 16. In questi stessi giorni e orari, possibili anche le prenotazioni telefoniche contattando lo 0577 292265.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

I più letti