Sul menù la descrizione dei piatti, Bartali: “La normativa contro le allergie”
17 Lug, 2018
IMG_20180714_083024

Una crisi anafilattica dopo la cena consumata in un agriturismo vicino Pisa, ha causato la morte di una ragazza ventiquattrenne di Cascina allergica ad alcuni cibi. Sul caso stanno indagando i magistrati, ma il drammatico episodio riapre la discussione sulla sicurezza a tavola e l’informazione sulla composizione dei cibi. Esiste una normativa per le imprese del settore food, che obbliga a indicare i 14 allergeni che possono essere presenti nei piatti. Questo riguarda il cibo preparato nella propria cucina ma anche quello acquistato già cotto o precotto che deve avere l’etichetta che indica gli ingredienti che si usano per la preparazione dei piatti. “Non è una normativa semplice – ha detto ad Are Luisella Bartali, responsabile del settore per Confcommercio – perchè attribuisce un lavoro complicato per gli operatori ma necessario per la tutela della salute dei clienti. La normativa vale per tutti coloro che preparano e vendono cibo, ristoranti, bar, agriturismo, e altre attività dove si può mangiare”.