“Non tolgo le carcasse delle pecore”, l’atto dimostrativo dell’allevatore Sanna
18 Set, 2018
foto Paolo Lazzeroni

Sta meditando un gesto dimostrativo Antonio Sanna, il proprietario dell’azienda agricola assalita dai lupi. La strage di pecore ha causato un grave danno economico all’allevamento e la perdita dei capi non permetterà di produrre il pecorino, prodotto di punta dell’azienda. Per protesta, Sanna ha intenzione di lasciare le carcasse di pecore nel prato dove sono state uccise invece di portarle per lo smaltimento. Questo può comportare una denuncia per il proprietario che sarà comunque sostenuto dalla Coldiretti che non intende lasciarlo solo, come ha detto il direttore Solfanelli.