Start Up Battle: vince la “gara” l’idea di un giovane di Poggibonsi
29 Set, 2016
thumbnail_start-up

Quattro idee imprenditoriali innovative a darsi battaglia: sono stati, gli imprenditori del futuro, i protagonisti della prima StartUp Battle che si è tenuta mercoledì 28 settembre a Siena, nell’auditorium di ChiantiBanca di Fontebecci.
La StartUp Battle è un format aperto ideato da Clhub, società di internazionalizzazione, innovazione e digitalizzazione con sede a Cagliari, che è stata promossa sul territorio senese da Confimprese Area Vasta Arezzo-Grosseto-Siena, delegazione provinciale di AssoretiPmi e Terre Comuni, con la collaborazione di ChiantiBanca e la partecipazione della Camera di Commercio.
Sette minuti a disposizione per ogni concorrente per raccontare la propria idea di impresa e convincere la giuria: alla fine l’ha spuntata LookAdvisor, un portale (poggibonsese) di recensioni sul modello di TripAdvisor dedicato, però, alla bellezza e al benessere e presentato da uno dei fondatori, Simone Berti. Al fianco di LookAdvisor, altre tre startup hanno presentato la loro idea.
Stefano Turillazzi e Fiammetta Tongiani hanno raccontato SienActive, un progetto di turismo esperienziale finalizzato a proporre pacchetti personalizzati per vivere le terre di Siena in un modo diverso, abbinando il turismo sportivo all’idea dell’albergo diffuso.
Concetto base simile a quello del progetto City Urban Running, presentato da Leonardo Nannizzi: una piattaforma web per attrarre un target sportivo, ma non agonistico, abbinando questo tipo di interesse a un’offerta calibrata anche su arte, cultura ed enogastronomia.
Si muove nell’ambito dell’innovazione tecnologica, invece, la startup Hand presentata da uno dei soci, Andrea Pizzolato: questa giovane società senese (con un ingegnere tedesco in squadra) sta sviluppando un nuovo dispositivo che permetta di trasferire dati in mobilità e sicurezza.
Un confronto utile, soprattutto per dare gambe alle idee attraverso piani strategici e operativi ben definiti che possano portare delle buone intuizioni a diventare vere aziende. E’ stata proprio la fattibilità, già in stato avanzato, a premiare la scelta di LookAdvisor che potrà, a novembre, giocarsi la finale di Cagliari: in palio 10mila euro di premio e un periodo di incubazione presso la sede di Clhub, con la possibilità di usufruire di servizi e formazione.
“ChiantiBanca – ha detto il vicepresidente vicario di ChiantiBanca, Claudio Corsi, membro della giuria – appoggia iniziative come queste per tradizione e convinzione. Nello scenario attuale, spesso i soggetti di dimensioni più piccole si trovano ad operare con difficoltà. Dobbiamo, invece, dare voce a queste idee perché anche chi sta ai margini di un sistema può essere portatore di valore esattamente come chi sta al centro”.
“ChiantiBanca – ha concluso Corsi – ha sempre seguito i giovani sul piano della scommessa imprenditoriale e della progettualità: l’augurio è che da questi confronti nascano idee che seguano i sogni. Il sogno della scoperta è quello che dobbiamo alimentare”.