Prima pagina

Sportelli presenta il contratto di governo ed attende l’apparentamento con De Mossi

Dopo una serie di incontri e trattative Massimo Sportelli rompe gli indugi, presenta un contratto di governo ed attende un apparentamento con Luigi De Mossi. Il candidato di Progetto Civico (dalla coalizione è uscita La Martinella e Siena Aperta) ha incontrato entrambi i candidati al ballottaggio del prossimo 24 giugno, ma il dialogo con Bruno Valentini si è interrotto al momento dell’entrata in scena di Pierluigi Piccini. Con l’esponente del centrodestra è iniziato invece un ragionamento per un’eventuale intesa e sono stati condivisi tutti i punti del contratto di governo proposto da Sportelli, tranne il primo: l’apparentamento appunto, su cui De Mossi si è riservato di decidere. “Noi avevamo aperto il dialogo con entrambi – ha detto Sportelli ai microfoni di ARE – e, per onestà intellettuale, devo dire che anche da parte di Valentini c’era una disponibilità sia programmatica che di aperture, di incarichi e quant’altro. Mentre stavamo parlando si è palesata l’unione con Piccini che per noi rappresenta il presente che non vogliamo e il passato che temiamo, quindi è finita lì. Anche con De Mossi c’è condivisione programmatica, quello che genera più problemi è un apparentamento. Se non si verificassero le condizioni che noi riteniamo indispensabili per fare questo accordo noi rimarremo serenamente all’opposizione, chiunque sia il vincitore, e faremo un’opposizione critica ma costruttiva”.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena