Solidarietà post terremoto: geometri senesi in cucina per una cena di beneficenza
15 Feb, 2017
1_geometri in cucina

Con una cena di beneficenza anche i geometri senesi hanno dimostrato la loro vicinanza alle popolazioni del Centro Italia colpite dalle scosse dei terremoti del 2016. Venerdì sera, nei locali del Circolo Arci di Badesse, 150 persone hanno partecipato alla cena che è stata preparata e servita da consiglieri ed iscritti del Collegio dei Geometri di Siena. In cucina c’erano Dino Bartolomei, Susanna Maggi, Annalisa Marinelli, Francesco Mazzi e Antonio Benvenuti, quest’ultimo vicepresidente del Consiglio nazionale. A servire in sala, invece, c’erano tutti i componenti del Consiglio del locale Collegio capitanati dal presidente Massimiliano Pettorali. Tutto il ricavato, poco più di 2500 euro, sarà devoluto ad uno dei comuni colpiti dal sisma (la decisione sarà presa nei prossimi giorni). “Ringrazio sentitamente – afferma Massimiliano Pettorali, presidente del Collegio Geometri di Siena – tutti coloro che hanno partecipato alla cena o hanno inviato donazioni in denaro. Un grazie va anche ai colleghi che hanno materialmente preparato e gestito tutto quanto, da chi stava in cucina a chi serviva in sala. Questa iniziativa è anche servita a noi tutti per metterci in gioco, fare squadra per uno scopo benefico. Inoltre, ci ha fatto piacere stare tutti insieme, colleghi uno accanto all’altro, per una cena informale, rafforzando così il nostro essere comunità di geometri”. Il Collegio senese fin da settembre scorso è stato in prima linea per l’emergenza terremoto. Negli ultimi mesi, infatti, oltre 30 iscritti sono partiti da Siena per raggiungere le aree del Centro Italia colpite dal sisma. Il Collegio provinciale, aderendo infatti all’AGePro (associazione voluta dal Consiglio nazionale dei Geometri dopo il terremoto in Abruzzo del 2009, con lo scopo di promuovere la cultura di protezione civile), ha potuto organizzare la partenza dei tecnici, utili nei luoghi del sisma per effettuare i rilievi dei danni e le valutazioni dell’agibilità degli edifici.