Sinalunga: 36enne in prognosi riservata per un’overdose di eroina e cocaina
10 Giu, 2016
carabinieri-notte2

Ha rischiato di morire a causa di un’overdose di stupefacenti ed ora è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale de Le Scotte. Il protagonista della brutta vicenda è un 36enne di Sinalunga, arrivato stanotte in gravi condizioni al pronto soccorso accompagnato dalla madre. La donna ha raccontato ai carabinieri di aver trovato il figlio riverso a terra fuori dalla loro abitazione e di aver appreso da lui che si era iniettato dell’eroina comprata ieri pomeriggio a Prato. Dagli esami tossicologici a cui è stato sottoposto è risultato positivo sia all’eroina che alla cocaina. I carabinieri fanno sapere che la tecnica di mescolare eroina con cocaina è utilizzata dagli spacciatori per procurare ai propri clienti una doppia dipendenza e rendere intercambiabili i prodotti.