Siena Hockey, parla l’allenatore Biancucci
16 Nov, 2016
siena-hockey-allenatore-raffaele-biancucci

Raffaele Biancucci. 51 anni, grossetano, è al suo terzo anno sulla panchina del Siena Hockey. E’ stato giocatore di buon livello, ha al suo attivo diversi campionati di massima serie con diverse maglie, anche prestigiose come Novara, Pordenone, Gorizia e anche una stagione da giocatore nella società senese, allora targata Mens Sana. Da allenatore ha lavorato principalmente con i settori giovanili a livello di club, ha rifondato il “suo” Circolo Pattinatori Grosseto portandolo da zero alla conquista di due Finali Nazionali consecutive Under 13; e come tecnico regionale, dove con la Selezione della Toscana ha vinto nel 2016 il Trofeo delle Regioni categoria Under 15.
Ora, come detto, da due stagioni è stato chiamato a lavorare con la serie B di Siena Hockey dove aveva il compito di far crescere un gruppo integralmente senese, formato da alcuni veterani, ma anche da tanti ragazzi tra i 16 e i 22 anni. Qual è il bilancio che trai, soprattutto in prospettiva futura?
Un bilancio largamente positivo. Abbiamo lavorato soprattutto sulla mentalità, in campo e fuori dal campo. Siena è un po’ fuori dal giro del grande hockey nazionale, e soffre di questo “complesso di inferiorità”, invece i ragazzi devono raggiungere la consapevolezza che non hanno niente di meno dei loro colleghi che giocano in società più titolate, solo molto spesso un approccio ed un atteggiamento sbagliato nelle partite e negli allenamenti che è l’aspetto principale del lavoro di questi due anni, proprio in prospettiva futura.

Quest’anno la rosa a tua disposizione e’ decisamente diversa, con l’arrivo di giocatori davvero importanti come Achilli, Borracelli, Brunelli, Polverini, e Tisato (in rigoroso ordine alfabetico): che difficolta’ potrai trovare nell’integrare i vecchi con i nuovi?
A parte Brunelli, giocatore giovane e di straordinario talento, un vero lusso per questa società, gli altri sono tutti grandissimi giocatori tutti molto esperti e a fine carriera, motivati a venire a Siena per la amicizia personale che ci lega e per la consapevolezza della tranquillità e familiarità dell’ambiente del Siena Hockey, quindi non penso che ci saranno particolari problemi. Anzi il motivo principale che ha spinto la società con il mio appoggio a queste operazioni è stato proprio l’opportunità, per i ragazzi senesi, di crescere lavorando a fianco di questi grandi giocatori.

Che potenzialità può avere questa squadra e quali obbiettivi può porsi?
Qui ci sono un Campione del Mondo (Franco Polverini) e quattro ragazzi che hanno indossato le casacche azzurre a vari livelli, alcuni anche vincendo titoli Europei…averli avuti in altri momenti questa squadra avrebbe potuto entrare tranquillamente in un Play Off Scudetto di A1. Oggi ovviamente le prospettive sono diverse, alcuni hanno superato i quaranta anni, e per problemi logistici o di lavoro non possono allenarsi in maniera adeguata…Ripeto l’obiettivo principale: abbiamo ragazzi bravi senesi, patrimonio della società, di età comprese tra il 94 e il 99, mi piacerebbe che questi grandi giocatori (alcuni di loro sono già bravissimi allenatori) mi aiutassero a farli crescere come meritano…Poi, detto questo, a me non piace perdere neanche il pari o dispari iniziale, tanto per essere chiari…

Quale può essere il livello di questa stagione è chi può ambire al passaggio alla final eight per la promozione in A2?
Ci sarà da divertirsi. Il livello di questa serie B sarà altissimo. Ci sono due squadre retrocesse dalla A2, Prato e Spv Viareggio con organici giovanissimi e di altissimo livello e con l’inserimento di giocatori esperti di categoria ancora nel pieno delle forze. Queste due squadre saranno certamente protagoniste, ma la principale candidata alla vittoria finale resta a mio avviso la SCS di Follonica, mix di giocatori veterani di altissimo livello con alcuni dei migliori talenti provenienti dal settore giovanile del Follonica Hockey, loro saranno la squadra da battere. Poi ci siamo noi, che siamo ancora un cantiere in costruzione, ma se i “vecchietti” avranno ancora voglia di giocare come sanno sarà dura per tutti giocare contro il Siena Hockey!!