Siena e Cina unite nel segno della Clownterapia
30 Nov, 2017
Giovannini-delegazioneCina

Umanizzare le cure, provare a rendere l’ambiente ospedaliero più allegro e amichevole, portare un po’ di sorrisi in reparto. Sono questi, in sintesi, gli obiettivi della clownterapia, protagonista all’Azienda ospedaliero-universitaria Senese di una sessione di formazione dedicata a viceprimari e infermieri cinesi del Sichuan Provincial People’s Hospital (struttura da 4300 posti letto) e Yaan People’s Hospital (3200 posti letto). Si è tenuto infatti a Siena un corso di formazione dedicato alla clownterapia e che ha visto la partecipazione come istruttore di Riccardo Cavallo, presidente dell’Associazione Nazionale dei clown di corsia VIP-APS, realtà all’interno di VIP Italia che conta 59 associazioni tra cui anche NASI VIP Siena. “Grazie al progetto di collaborazione internazionale tra Siena e la Cina – spiega Loriana Bocci, responsabile Ufficio Rapporti Internazionali AOU Senese – avviato da circa 8 anni, alcuni ospedali cinesi, dopo aver visto gli ottimi risultati raggiunti a Siena con la clownterapia, hanno esportato questo modello e condiviso con altre strutture l’importanza del progetto. L’obiettivo del corso di formazione, per il quale l’AOUS ha fatto da trait d’union, è proprio quello di formare tanti altri medici e infermieri cinesi alla terapia del sorriso. Inoltre tutto ciò è stato possibile grazie alla perfetta sintonia e alla piena disponibilità dell’Associazione Nasi Vip di Siena e anche dell’ASP che ha messo a disposizione, a titolo gratuito, i locali per lo svolgimento del corso”.
Nella foto il direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese, Valtere Giovannini, insieme alla delegazione cinese