Siena celebra la sua arte tra il ‘200 e il ‘400 grazie alla collezione Salini
30 Mar, 2017

Grazie al mecenatismo dell’architetto SimonPietro Salini l’Amministrazione comunale, dal 15 giugno al 15 settembre, offrirà al pubblico una eccezionale mostra che narra l’apice della storia senese attraverso l’evoluzione della sua arte dal Duecento al Quattrocento. Saranno esposte opere di alcuni degli artisti senesi più illustri: da Duccio a Giovanni Pisano, i Lorenzetti, Simone Martini, Jacopo della Quercia, Sassetta, Francesco di Giorgio e molti altri.

Più di ottanta opere, alcune mai esposte prima, per celebrare il genio creativo di Siena, oltre a rari pezzi tra oreficerie, maioliche e arredi. Per volontà del Comune e del proprietario la mostra sarà a ingresso gratuito, salvo un’offerta libera da destinare ad un’opera di beneficenza al restauro di opere d’arte e monumenti (anche delle zone del terremoto dell’Italia Centrale), ed avverrà nel suggestivo scenario dei Magazzini del Sale di Palazzo Pubblico.

Salini è un grande costruttore e progettista di opere di edilizia civile e industriale, in Italia e in tutto il mondo. Innumerevoli le realizzazioni che portano il suo nome: ospedali, strade, ponti, ferrovie, dighe, acquedotti, piani urbanistici e territoriali in Europa come in Africa, Medio Oriente, Cina e Brasile.

L’allestimento è stato seguito personalmente dall’architetto Salini; l’organizzazione generale da Donatella Capresi e Gianni Maccherini; la supervisione dell’Assessorato alla Cultura. Cittadini e turisti, cultori e appassionati d’arte, avranno così la possibilità di visitare un’esposizione di grande spessore ed inedita per la completezza della raccolta, visto che questo inestimabile patrimonio di opere d’arte è raccolto come collezione privata in un castello in terra senese, accumulato in molti anni.

“Un’occasione unica – ha evidenziato l’assessore alla cultura Francesca Vannozzi – per poter ammirare, in un viaggio virtuale che attraversa tre secoli di cultura, l’arte espressa dalla città di Siena grazie ai più grandi artisti del tempo che, attraverso le loro opere, consentono di leggere l’evoluzione di una tradizione artistica e di una civiltà che ha lasciato una traccia indelebile nella storia d’Italia e del mondo”.

Dello stesso avviso il sindaco di Siena Bruno Valentini, grato al proprietario per questo straordinario omaggio all’arte senese.

Il sindaco Valentini e l'assessore Vannozzi nella conferenza stampa di presentazione

Il sindaco Valentini e l’assessore Vannozzi nella conferenza stampa di presentazione

<<Un incontro affascinante con la storia della Repubblica di Siena – commenta il primo cittadino – che per ampiezza e valore rappresenta un’opportunità unica, sia per la nostra comunità che per i tanti turisti italiani e stranieri in visita alla città durante il periodo estivo. Un motivo in più per venire nella nostra città e pernottarvi approfittando anche del resto della ricca offerta culturale, visitando una raccolta mai esposta prima nel suo insieme, allestita in un ambiente ineguagliabile, composta da opere che rappresentano il vertice dell’arte medievale europea, rappresentata dai grandi maestri della scuola senese>>.

L’esposizione sarà aperta tutti i giorni in orario 10-19.

A corredo un ricco catalogo per illustrare le opere curato da Andrea De Marchi e Gabriele Fattorini, edito da M studio, Firenze.