Sgominata dai Carabinieri banda di spacciatori di cocaina
29 Gen, 2016
logo_are_6_trasp

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Siena hanno sgominato una banda di spacciatori, italiani e albanesi, che rifornivano di cocaina Siena e la Val di Chiana. L’indagine aveva avuto inizio nel settembre 2014, quando i militari avevano saputo da un informatore di una grossa somma di denaro che uno spacciatore di Sinalunga avrebbe dovuto consegnare ai propri fornitori per pagare la cocaina che gli avevano fornito nel tempo. La droga veniva ceduta in quel periodo al costo di 70 € al grammo. Il giovane aveva ricevuto anche delle minacce di morte, aveva coinvolto la famiglia per riuscire a mettere insieme il denaro da consegnare ai trafficanti, si era rifugiato in Francia per sfuggire ai suoi aguzzini, aveva dovuto chiedere prestiti (ad alto tasso di interesse), ma oltre 50mila euro restituiti non erano bastati ad estinguere il debito contratto e a far cessare il pericolo.

Si tratta di una banda dai metodi spietati, basti pensare che uno dei principali indagati, il 10 febbraio dello scorso anno, era rimasto vittima di un agguato nel corso del quale, mentre si trovava a Torre Annunziata, a bordo di un ciclomotore, era stato gravemente ferito alla testa da alcuni colpi di arma da fuoco. Era comunque sopravvissuto e aveva ripreso le proprie attività illecite nel senese. Il 30 gennaio 2015, un altro degli spacciatori era stato arrestato a Torrita di Siena, perché i carabinieri lo avevano trovato in possesso di oltre 100 grammi di cocaina (valore sul mercato 70.000 euro), occultati nel cruscotto del camioncino da falegname che utilizzava per lavoro. In attesa del processo, il GIP Roberta Malavasi ha imposto a due degli spacciatori la presentazione quotidiana alle Stazioni Carabinieri di Sinalunga e Rapolano Terme, con obbligo di firma, mentre altri due hanno ricevuto la notifica della misura dell’obbligo di dimora a Sinalunga, centro dal quale non potranno allontanarsi senza l’autorizzazione del Giudice. Due degli albanesi sono vecchie conoscenze dei Carabinieri di Siena che li avevano arrestati nel 2008 in seguito al sequestro di una partita di 12 kg di cocaina, giunta dall’Olanda nelle città di Bologna e Arezzo. Complessivamente le persone che andranno a processo sono undici.