Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

Sei Toscana: la chiusura del bilancio 2021 segna l’inizio di una nuova stagione di crescita

“La chiusura del bilancio 2021 rappresenta un vero punto di svolta per Sei Toscana”. Il presidente Alessandro Fabbrini e l’Ad Salvatore Cappello, commentano così l’approvazione all’unanimità del bilancio di esercizio 2021 da parte del Consiglio di Amministrazione di Sei Toscana avvenuta questa mattina.

“Nonostante il negativo risultato economico dell’esercizio, dovuto principalmente all’aumento significativo dei costi tornati a livello pre pandemia e ad una diversa interpretazione dei corrispettivi stabiliti dal metodo ARERA da parte dell’Ente regolatore – dicono gli amministratori –, sono state finalmente ristabilite le condizioni strutturali di continuità per la società e sono state poste solide basi per un percorso industriale di crescita e di grandi benefici per il territorio servito, e anche di soddisfazione per i Soci”.

Dopo l’insediamento del nuovo Consiglio di amministrazione, avvenuto a dicembre 2020, e l’ingresso nella compagine sociale del nuovo socio industriale Iren Ambiente, il 2021 ha visto la società impegnata su più fronti per cercare di risolvere le forti criticità che avevano caratterizzato la precedente gestione. “Abbiamo portato fin da subito alcuni elementi di profonda discontinuità – proseguono Fabbrini e Cappello – che hanno permesso di ritrovare un rapporto di piena fiducia e collaborazione, sia con i 104 Comuni e l’Ente regolare (ATO), sia fra i Soci della società. L’azienda è stata fortemente impegnata, da un lato, in un recupero di efficienza e di riduzione dei costi di gestione a tutti i livelli e, dall’altro, di proposta, con la redazione di un nuovo piano industriale che potesse tracciare un percorso preciso da seguire nei prossimi anni”.

Il piano industriale è stato approvato lo scorso 30 luglio dall’Assemblea dei Soci di Sei Toscana e, dopo un capillare percorso di condivisione con tutti i Comuni, il 31 gennaio ha visto l’approvazione da parte dell’assemblea di ATO dei Piani pluriennali di riorganizzazione servizi che ha concluso l’iter di valutazione e approvazione delle proposte industriali della società. “È un piano che prevede investimenti per oltre 150 milioni di euro che permetteranno di rinnovare mezzi, attrezzature e infrastrutture adibite alla raccolta, garantendo finalmente quel salto di qualità al territorio che ci si aspettava da anni – affermano presidente e Ad –. L’importante impegno finanziario previsto dal piano ha già visto l’intervento da parte di tutti i Soci che si è concretizzato, lo scorso febbraio, con l’approvazione di un aumento di capitale da 31 milioni di euro”.

La realizzazione degli impegni contenuti nel piano industrialee, al contempo, il lavoro sui progetti relativi al PNRR fatti per conto di ATO, vede Sei Toscana impegnata in modo straordinario e continuo. “I riscontri di questi primi mesi dell’anno confermano il raggiungimento dell’equilibrio economico finanziario della società già a partire dal 2022 – concludono Fabbrini e Cappello –. Il nostro obiettivo è di dare risposte concrete, coniugando la nuova forte dimensione industriale della società con il dialogo e l’ascolto costante dei territori”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena