Sei Toscana entra nella Fondazione ITS Energia Ambiente
20 Feb, 2019
conferenza_stampa

Sei Toscana entra, come socio fondatore, a far parte della Fondazione ITS, Istituto tecnico superiore Energia e Ambiente della Toscana, punto di riferimento regionale per la formazione di tecnici in campo ambientale. 
L’ingresso nella Fondazione di Sei Toscana dà il via ad una partnership che metterà in contatto giovani e impresa, garantendo ai primi un possibile futuro sbocco occupazionale e, all’azienda, la possibilità di scegliere i migliori talenti da un potenziale serbatoio di giovani altamente qualificati.
Sei Toscana metterà a disposizione dell’ITS le proprie competenze, professionalità e know-how aziendali, anche partecipando attivamente a tutta una serie di attività formative organizzate dalla Fondazione. In particolare, il Gestore ricoprirà un ruolo all’interno dei corsi dedicati all’economia circolare fornendo il suo apporto sui temi legati alla raccolta e alla valorizzazione dei rifiuti. Sei Toscana inoltre si rende disponibile ad ospitare visite didattiche degli studenti e docenti presso le proprie sedi e strutture operative presenti sul territorio, coinvolgendo gli studenti in eventuali progetti aziendali, tra cui stage e tirocini.
“Sei Toscana intraprende questo nuovo percorso con la volontà di contribuire alla formazione di figure professionali di un settore, quello dell’ambiente, che è in continua evoluzione – commenta Leonardo Masi, presidente di Sei Toscana –. In tal senso, il valore ambientale e sociale dei percorsi di studio altamente professionalizzanti come quelli di ITS Energia e Ambiente costituirà per la nostra Società un importante valore aggiunto, con l’obiettivo di investire sulla crescita professionale dei giovani nel campo dell’economia circolare. L’ingresso nelle Fondazione, che ringrazio per l’opportunità offerta, si affianca e integra altre iniziative avviate nel segno della formazione e dell’educazione ambientale che vedono Sei Toscana coinvolta a diversi livelli, dalle scuole di ogni ordine e grado fino all’Università, con l’obiettivo più generale di rinsaldare, anche nella dimensione culturale, il rapporto tra la nostra società e i territori nei quali opera ”.

Ascolta l’intervista