Sciopero dei medici, Scaramelli: “Ci faremo carico delle loro istanze. Subito al lavoro per un documento di indirizzo”
12 Dic, 2017
scaramelli1-

“Un incontro doveroso e partecipato dove le rappresentanze sindacali sono venute in maniera compatta e unita a presentarci le loro istanze. E noi ce ne faremo carico cominciando subito col predisporre un documento che già dalla prossima commissione potrà essere approvato da tutte le forze politiche, per poi vedere se dalla Toscana possa partire, così come già successo altre volte, una pressione sul governo nazionale”.Così il presidente della commissione Sanità in consiglio regionale Stefano Scaramelli che stamani insieme agli altri colleghi della commissione ha incontrato le rappresentanze delle segreterie regionali dell’intersindacale medica della dirigenza sanitaria e veterinaria della Toscana che oggi hanno proclamato uno sciopero nazionale di 24 ore. Le rappresentanze sindacali intervenute all’incontro hanno portato all’attenzione della commissione alcuni punti per loro cruciali: le condizioni di lavoro sempre più difficili, un contratto fermo da 8 anni che nel frattempo ha visto le regioni, compresa la Toscana, incamerare buona parte dei nostri fondi salariali con una riduzione netta della massa degli stipendi e l’ “imbuto formativo” che blocca il ricambio generazionale

“E’ doveroso – ha proseguito Scaramelli – che la commissione Sanità si faccio carico delle loro aspettative. Da parte mia c’è la piena disponibilità a portare sul tavolo conferenza stato regioni a livello nazionale le aspettative dei medici. Spesso ci vantiamo della sanità toscana, ma se abbiamo l’eccellenza da tutti riconosciuta lo dobbiamo ai medici toscani e al loro straordinario lavoro. Quindi se ci chiedono un impegno, la politica deve saper ascoltare e agire . Quando c’è un movimento così unitario che si mobilita è giusto ascoltarlo. Il sistema sanitario toscano funziona perché c’è qualità negli ospedali, i medici sono la spina dorsale del sistema. Dobbiamo rispettare e farci carico delle loro ansie e delle loro aspettative, anche per dare risposte importanti ai cittadini. C’è un problema forte sugli organici, su questo bisogna intervenire e continuerà l’impegno di questa commissione”, Scaramelli ha ribadito la piena disponibilità a lavorare ad un atto di indirizzo da condividere con tutta la commissione per vedere se la Toscana possa fare pressione a livello nazionale. “Basta pensare che quando abbiamo fatto delle battaglie partite dalla commissione – ha concluso Scaramelli- per esempio sulla stabilizzazione dei precari, abbiamo raggiunto ottimi risultati sia a livello regionale che nazionale, pensiamo anche ai contratti specifici sulla stabilizzazione del 118 e agli investimenti sulle scuole di specializzazione. Abbiamo dimostrato e continueremo a dimostrare la nostra sensibilità su tutti questi temi”.