Scaramelli su finanziamento Scotte: “Intervento concreto in grado di dare risposte qualificate”
11 Apr, 2016
Visita Commissione a Siena

“La realizzazione di un nuovo blocco operatorio per il policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena è un intervento concreto in grado di dare risposte sempre più qualificate alla domanda di salute che arriva dal nostro territorio e non solo”. A dirlo Stefano Scaramelli, presidente della III Commissione sanità e politiche sociali in Consiglio regionale, che commenta il finanziamento del Ministero della Salute, condiviso con Regione Toscana, per 13 milioni di euro su Siena. “Le nuove 10 sale operatorie rappresentano – continua Scaramelli – un tassello fondamentale nell’opera di ricostruzione e di risoluzione delle criticità di cui l’Ospedale di Siena soffre da tempo. Oltre a risolvere le criticità esistenti, il nuovo investimento consentirà il miglioramento delle strutture, delle tecnologie e quindi della qualità dell’assistenza.

Oltre all’investimento nelle strutture serve anche quello sulle persone, sui professionisti della salute, per mettere al centro della crescita del nostro sistema sanitario la salute e il benessere del cittadino. Tra gli obiettivi a lungo termine c’è il cambiamento di verso del cosiddetto ‘nomadismo sanitario’, ovvero di quel fenomeno che vede alcuni cittadini di un territorio che, per curarsi, si spostano in un altro ritenuto evidentemente migliore per servizi ospedalieri e sanitari. Un fenomeno sconosciuto fino a qualche decennio fa ma che, purtroppo, negli ultimi anni Siena ha iniziato a scontare. Siena deve entrare a far parte dei primissimi centri in Italia per capacità di dare servizi e risposte di alto livello ai cittadini. Questo investimento dimostra che siamo sulla strada giusta.

Bene anche la condivisione con i professionisti che il direttore generale dell’AOU Senese, Pieluigi Tosi, e il direttore sanitario dell’AOU Senese, Silvia Briani, stanno portando avanti per proporre modifiche e apportare miglioramenti al progetto. Le nuove sale operatorie sono un primo step del processo di miglioramento delle Scotte che arriva dopo la realizzazione del Pronto soccorso pediatrico. Agire per gradi e confrontarsi con gli operatori sugli interventi da mettere in atto è un aspetto pregnante del processo di riorganizzazione e di ricostruzione della sanità che, come Commissione sanità, abbiamo condiviso con l’assessorato alla salute. Dalle visite della Commissione fatte sul territorio, tra cui proprio alla struttura senese, sono nati molti dei passi da fare per dare nuova vita al Policlinico di Siena. Tra i prossimi interventi c’è il rilancio del reparto di oncologia che mi auguro presto possa essere preso in considerazione”.