San Quirico tra storia e passione: il ritorno dell’Imperatore Barbarossa fa rivivere il Medioevo
13 Giu, 2016
SONY DSC

Si compie la storia, si accende la passione. L’Impero e il Papato si incontrano in terra di Siena per un episodio che ha cambiato la storia dell’età medievale. Ritorna a San Quirico d’Orcia (Si) dal 15 al 19 giugno la 56esima edizione della Festa del Barbarossa: un vero e proprio tuffo nel passato, una fra le rievocazioni storiche più suggestive ed antiche, fra suoni, colori, sapori ed emozioni.

È il 1155 quando Federico I Hohenstaufen, detto il Barbarossa, incontra a San Quirico d’Orcia gli inviati di papa Adriano IV. L’uomo più potente del tempo vuole il lasciapassare da Roma per l’incoronazione a sovrano del Sacro Romano Impero. Per ottenerlo il Barbarossa consegna nelle mani dei Cardinali l’eretico Arnaldo da Brescia. Per ricordare lo storico incontro, dal 1962 San Quirico d’Orcia celebra la Festa del Barbarossa. Nata dall’intuizione di un uomo di cultura come il professor Orfeo Sorbellini, in mezzo secolo ha coinvolto generazioni di uomini e donne che alla metà di giugno si sfidano in gare di archi e bandiere, divisi nei quattro quartieri di Borgo, Canneti, Castello e Prato. Nello splendido scenario del giardino cinquecentesco degli Horti Leonini, le sfide fra i Quartieri per la conquista delle Brocche dell’Imperatore, quest’anno dedicate al tema dell’Accoglienza, un valore sociale insito nel dna della comunità di San Quirico. Nel centro storico della cittadina della Val d’Orcia i momenti clou della manifestazione; sul sagrato della Chiesa della Collegiata la rievocazione teatrale dell’incontro storico; mentre nel cuore dei Quartieri, le taverne e ambientazioni medievali dove assaporare gli autentici piatti tipici locali ed i vini della Val d’Orcia. SONY DSC

IL PROGRAMMA DELLA 56ESIMA EDIZIONE – Il via sarà mercoledì 15 giugno (ore 21.15) con la presentazione delle Brocche dell’Imperatore a Palazzo Chigi, un momento sempre molto atteso dai sanquirichesi e dai turisti. Brocche 2016 realizzate dall’artista Pamela Fatighenti. Nella stessa serata verrà proclamato il vincitore ed assegnato il premio “Orfeo 2015” per il miglior Corteo storico della passata edizione. Il giorno seguente, giovedì 16 giugno (21.15) in centro storico si svolgerà il corteo dei ceri e la benedizione degli alfieri, tamburini ed arcieri che andranno poi a sfidarsi nelle gare della domenica. Il venerdì (17 giugno) come da tradizione è il giorno delle cene propiziatorie che si terranno nel cuore dei Quartieri. E poi arriviamo al weekend: sabato 18 giugno con il Barbarossa de’ Citti (ore 17), una entusiasmante gara fra i giovani alfieri e tamburini, nonché fra gli arcieri, sempre di età non superiore ai 14 anni. La serata dell’attesa del grande evento, si svolgerà con le cene nelle taverne dei Quartieri a base dei migliori piatti tipici valdorciani e spettacoli a medievali a tema. Nella giornata di domenica 19 giugno (11.30) nella chiesa di San Francesco, la messa dei Quartieri e a seguire (in piazza della Libertà) il sorteggio per le gare. Dalle 16 sul sagrato della Collegiata, la rievocazione dello storico incontro tra il Barbarossa e i messi di Papa Adriano IV, nell’anno 1155. Quindi sarà il momento delle gare di Bandiere ed Archi (ore 17.30 – Horti Leonini) e serata con festeggiamenti e cene nei Quartieri. Il programma completo su www.festadelbarbarossa.it