Facebook Posts Home Slide Show Sport

Robur, vittoria pesantissima col Teramo. Prima gioia per Padalino

La Robur batte il Teramo, torna al successo che le mancava da oltre un mese e mezzo (13 dicembre, con l’Olbia) e strappa tre punti che sono ossigeno puro per scacciare la zona retrocessione. Decidono il primo gol in bianconero di Laverone (tra i migliori) e la rete di Paloschi, il bomber ex Milan non segnava dal 9 ottobre. Una vittoria anche fortunosa, con tanti brividi nell’assedio finale del Teramo.

La partita – Padalino conferma il 3-5-2 ma cambia metà giocatori di movimento. I braccetti di difesa sono Mora e Dumbravanu, che debutta dal 1’ come Laverone, quinto di centrocampo. In mezzo conferma per Meli con i rientranti dalla squalifica Bani e Pezzella (in regia). Davanti con Paloschi c’è Guberti, rifiata Disanto.

Inizio positivo della Robur. Dopo due minuti sugli sviluppi di un corner Paloschi si fa parare da Perucchini, poi Terzi è troppo timido nel ribattere a rete. Al 12’ vantaggio bianconero: da esterno a esterno, Favalli cambia gioco per Laverone che con lo stop si allunga la palla quel tanto che basta per calciare a incrociare sul secondo palo, appena entrato in area. La gara è vivace, si gioca senza troppi tatticismi. Il Teramo con pochi passaggi arriva facilmente in area ma non punge, il Siena sfiora il raddoppio per quattro volte. Paloschi avvia e chiude un’azione di contropiede calciando dai 30 metri, ma è attento il portiere ospite, bravo anche ad opporsi al colpo di testa di Laverone su un delizioso cross a tagliare l’area di Guberti. Di testa va anche Terzi, che da angolo gira sul secondo palo ma Mora non ci arriva per un soffio. Bani spreca una ripartenza 3 vs 3, poi al 43’ D’Andrea beffa la Robur: su un cross a rientrare da sinistra anticipa Terzi e di testa batte Lanni per l’1-1.

Sei minuti dall’uscita dagli spogliatoi il Siena si riporta avanti. Cross basso a rientrare da sinistra di Guberti, Paloschi la tocca quel tanto che basta per trovare l’angolino sul secondo palo. Il bomber ex Chievo e Milan non segnava dal 9 ottobre con la Fermana. Poco prima della mezz’ora primi tre cambi: Disanto per Guberti, Bianchi per Meli e Crescenzi per Favalli. Al 64’ palo di Paloschi su cross di Bianchi, ma era in fuorigioco. Padalino si copre con Cardoselli e Farcas per Paloschi e Laverone a quindici dalla fine. All’85’ trema il Franchi: palo clamoroso di Codromaz che supera Terzi nel duello aereo ma trova il legno che salva Lanni già battuto.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena