Robur: sulla strada dei play off c’è ancora il Novara, che cambia allenatore
5 Mag, 2019
logo_are_6_trasp

Curioso e beffardo, il destino. Un anno fa il Piacenza, con un 2-0, spezzò il sogno promozione diretta della Robur a vantaggio del Livorno. 12 mesi dopo, con lo stesso risultato, è la Robur a raggelare i 2.600 tifosi arrivati dall’Emilia, pronti a festeggiare una serie B che accoglierà invece l’Entella, vittoriosa al fotofinish con la Carrarese. Il Piacenza, arrivato stremato dopo una rincorsa forsennata sui liguri, domina per un tempo e si vede annullare un gol regolare, ma crolla poi nella ripresa sotto i colpi di Cianci, al termine di una splendida azione corale, e Gliozzi, che fa 15 in campionato. Lo spettacolo, a quel punto, passa fuori dal campo. In tribuna rimbalzano rumors e fake news sulla partita di Chiavari: Entella e Carrarese sono sullo 0-0, ma se i padroni di casa segnano sono in serie B. E il gol arriva all’89’, a firma di Mancosu. Ma poco dopo si sparge una voce: annullato il gol, o forse ha pareggiato la Carrarese, e parte il boato dei tifosi piacentini, che alimenta ancor di più la beffa da digerire. Al fischio finale il campo è diviso in due: da una parte gli ospiti, increduli per aver buttato via un sogno: dall’altra il Siena, che il sogno lo può iniziare a coltivare da domenica 12 maggio, quando al primo turno al Franchi  (ore 15) arriverà il Novara, che ieri, dopo la partita malamente persa a Pisa, ha esonerato mister Sannino e richiamato a guidare la squadra Viali. Basterà non perdere per accedere allo step successivo (15 maggio). Contro chi? Molto probabilmente la Pro Vercelli, in trasferta. A meno che i piemontesi non perdano con l’Alessandria. In quel caso, si giocherà in casa con una tra Carrarese e Pro Patria.