Prima pagina

Rete Imprese Italia: 3 domande su Fises a Fondazione Mps

Stando alle informazioni di stampa diffuse nei giorni scorsi, il Presidente di Fondazione Mps continua a considerare la Finanziaria Senese di Sviluppo alla stregua di un qualsiasi asset finanziario, ignorandone le specificità che essa rappresenta per quel territorio di cui la Fondazione stessa dovrebbe essere consapevole espressione. Sorprese per questo perdurante atteggiamento, le associazioni rappresentative delle piccole e medie imprese senesi (Confartigianato, Confcommercio, Cna e Confesercenti) coordinate in Rete Imprese Italia sentono quindi la necessità di interpellare la Fondazione stessa su quattro specifici aspetti.

Il Presidente di Fondazione Mps ha dichiarato di attendersi dalle proprie quote azionarie in Fises un rendimento annuo minimo del 3 per cento. Non è forse questa un’aspettativa velleitaria, considerando che da anni generalmente gli istituti creditizi italiani non distribuiscono dividendi, che il credito alle imprese in Italia è risultato nel 2016 inferiore del 19,6% rispetto al 2011, e soprattutto che l’operato della Fises è per statuto rivolto a favorire affidamenti al tessuto imprenditoriale locale a condizioni più favorevoli di quelle disponibili sul mercato, senza praticare commissioni?

In termini di rendimenti, si ha memoria di quanto hanno reso i 22 milioni di euro investiti dalla Fondazione in azioni Mps nel 2015?

E cosa dire degli 8 milioni di euro in minusvalenze riportate da Fmps sui mercati finanziari in genere, nello stesso anno?

Al Presidente di Fondazione Mps non dovrebbero esser sfuggiti gli indicatori di operatività della Fises, relativi agli ultimi anni: tra il 2009 e il 2017 sono state effettuate 1765 operazioni di finanziamento, per 97 milioni di euro di controvalore, ad un tasso medio del 3 per cento; il bilancio della Finanziaria ha comunque distribuito 565mila euro di utili a fronte di 20 milioni di accantonamenti per le perdite su crediti accumulate prima del 2009, le quali successivamente si sono attestate ad una media di poco superiore al 3 per cento. Siamo in presenza di una società che ha un ruolo fondamentale per il territorio e per il suo tessuto economico; queste considerazioni debbono, a nostro avviso, far riconsiderare le posizioni a più riprese espresse dalla Fondazione.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena