Raccolta fondi per l’Ematologia dell’ospedale delle Scotte
15 Mag, 2019
Ospedale Scotte

Al via giovedì 16 maggio la campagna di raccolta fondi “Pazienti al centro” promossa dall’associazione Sienail (soggetto capofila) e dalle Misericordie di Siena, Celle sul Rigo, Montepulciano e Sarteano e nato da un percorso di formazione e accompagnamento denominato “Let’s Crowd!”, proposto e promosso dalla Fondazione Mps in collaborazione con la Consulta del Volontariato della provincia di Siena, Vernice Progetti Culturali e la start-up fiorentina “Feel Crowd!”.

Le storiche realtà del terzo settore senese hanno fatto rete per rendere possibile l’allestimento delle nuove stanze del Day Hospital ematologico in via di ristrutturazione nel terzo lotto del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena.
Attualmente il Day Hospital ematologico senese è situato in ambienti poco confortevoli. La direzione dell’Azienda ospedaliero-universitaria senese ha affrontato questo importante problema mettendo a disposizione delle nuove e crescenti esigenze dell’Ematologia, nuovi ampi spazi attigui all’attuale reparto che sono stati interamente ristrutturati e progettati nel rispetto delle esigenze dei pazienti e in piena collaborazione con i professionisti del reparto diretto dalla professoressa Monica Bocchia: stanze più ampie per le terapie, sale d’attesa progettate per accompagnare il percorso di cura e più consone alla privacy e sensibilità dei pazienti, in base anche alle diverse terapie a cui devono sottoporsi.
«La ristrutturazione dell’Ematologia e l’attenzione alle esigenze dei pazienti – spiega Valtere Giovannini, direttore generale – è stato uno dei primi temi a cui abbiamo lavorato sin dal nostro arrivo, a fine 2017, ed è per noi un traguardo importante essere riusciti ad aprire la prima parte del nuovo reparto a cui seguirà una ulteriore ristrutturazione che sarà ultimata dopo l’estate, grazie all’impegno del Dipartimento Tecnico. Ringrazio davvero tutti – conclude Giovannini – per questa lodevole iniziativa di raccolta fondi che ci aiuterà ad offrire un ambiente migliore ai nostri pazienti e anche ai nostri professionisti».
«Il nostro impegno quotidiano – aggiunge la professoressa Monica Bocchia, direttore della UOC Ematologia – ha sempre trovato in Sienail un supporto importante e, per questo, invito il grande cuore dei senesi a sostenere questo progetto che ci vedrà crescere e migliorare sempre di più».
«Siamo orgogliosi di essere ormai da oltre 20 anni un importante supporto alla grande professionalità di medici, ricercatori e infermieri dell’Ematologia di Siena – spiega Luciana Mignarri, presidente Sienail -. Speriamo di centrare questo obiettivo con l’aiuto di quelli che ci conoscono e, ci auguriamo, anche di coloro che avranno l’occasione di conoscerci durante questa campagna. Ringrazio di cuore la direzione dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese per aver sempre accolto le nostre richieste a favore dei malati e i provveditori delle Misericordie che hanno sposato il nostro progetto. Una condivisione di intenti che spero non si concluda con questa iniziativa».
«Sensibilizzare e promuovere la sinergia fra enti e associazioni è stato il filo conduttore dell’iniziativa “Let’s Crowd!” promossa dalla Fondazione e maturata durante i vari momenti di ascolto che organizziamo nel corso della nostra attività – dichiara Carlo Rossi, presidente della Fondazione Mps -. In collaborazione con la Consulta del Volontariato della provincia di Siena abbiamo sviluppato un progetto mirato di formazione e accompagnamento al crowdfunding che ha dato vita a due campagne di raccolta fondi, fra cui “Pazienti al centro”, illustrata questa mattina. Il percorso di “Let’s Crowd!” rafforza anche l’esperienza delle organizzazioni di volontariato coinvolte sia in termini di comunicazione che di visibilità. La Fondazione – continua Rossi – ha, inoltre, avviato con successo una convenzione con il Master in comunicazione d’Impresa dell’Università di Siena per una tirocinante che segue le attività di comunicazione delle campagne con un duplice obiettivo: sostenere la formazione professionale giovanile e incoraggiare in prospettiva il ricambio generazionale nelle organizzazioni di volontariato».
All’impegno della direzione dell’Aou Senese si sono affiancate le associazioni di volontariato che hanno raccolto la sfida lanciata dalla Fondazione Mps per dare vita ad un crowdfunding mirato a realizzare, negli spazi ristrutturati dall’ospedale, un Day Hospital di nuova concezione. Accoglienza, comfort, rispetto della privacy e musicoterapia, per accompagnare il paziente alla terapia con la sensazione di essere “curato” già durante l’attesa della cura.
«Siamo contenti di partecipare a questo progetto – spiega il provveditore della Misericordia di Siena, Andrea Valloni -; la fruibilità dei servizi ospedalieri quali il Day Hospital ematologico, è importante anche per chi come noi svolge quotidianamente il trasporto socio sanitario perché la facilità di accesso ai reparti ci consente una maggiore elasticità operativa. Riteniamo imprescindibile il lavoro in rete con altre associazioni, nel quale si mette a disposizione la multiprofessionalità necessaria per avere maggior forza e reperire più facilmente i fondi per i progetti in ambito sociale e sanitario – continua ancora Valloni -. Dobbiamo ringraziare la Fondazione Mps per l’idea di creare appannaggio delle associazioni del terzo settore un programma formativo come quello a cui abbiamo partecipato, ha creato i presupposti per incrementare le possibilità finanziarie e sviluppare le tante idee che circolano nelle reti di associazioni».
Il progetto – Poltroncine comode, tv ai lettini della chemioterapia e nelle sale d’attesa, angolo tisane, vetri opacizzati per garantire la riservatezza. Inoltre, un progetto di musicoterapia, per la prima volta al policlinico Santa Maria alle Scotte, realizzato e presto attuato da un esperto, il dottor Agostino Longo che ha previsto l’ascolto della musica – in modalità passiva o attiva – per accompagnare i pazienti ad un innovativo percorso di aiuto nell’affrontare l’ansia e il dolore. 15mila euro il primo traguardo da raggiungere per poter realizzare il progetto. Quaranta giorni per raccogliere, intorno a questo progetto, l’aiuto della collettività. Ad ogni euro che verrà donato, la Fondazione Mps ne aggiungerà un altro. La campagna di raccolta fondi “Pazienti al centro” si trova sulla piattaforma di crowdfunding www.eppela.com ma sarà possibile dare il proprio contributo anche attraverso la partecipazione agli eventi di sostegno dell’iniziativa. Il primo appuntamento si terrà venerdì, 17 maggio nella sede della Misericordia di Siena, denominata “Il Mandorlo”. L’evento di lancio della campagna prevede una presentazione del progetto ed a seguire una cena buffet ed il concerto del noto musicista senese Giulio Stracciati. Altri eventi si succederanno nei 40 giorni di raccolta fondi coinvolgendo la Val di Chiana e la Val d’Elsa con l’intento di sensibilizzare sul tema della cura “prima e durante la cura”. Sienail e Misericordie di Siena, Celle sul Rigo, Montepulciano e Sarteano, hanno potuto contare sulla presenza e competenza della start-up fiorentina Feel Crowd che ha gestito anche la fase formativa dei volontari, precedentemente alla scelta dei progetti da mettere in campo.