Prima pagina

Polemiche politiche a Siena: “Il Pd fugge dal consiglio comunale”. “No, con noi Fondazione Mps guarda al futuro”

Continua, con toni forti, la polemica politica a Siena. Dopo il consiglio comunale di ieri, la Fondazione Mps è ancora argomento di discussione tra opposizione e maggioranza. Nel pomeriggio un comunicato stampa (a firma Luciano Cortonesi, Massimo Bianchini, Pietro Staderini, Andrea Corsi, Giuseppe Giordano, Eugenio neri e Marco Falorn) accusa il Pd di “fuggire dal consiglio”:

Per due consigli comunali di seguito, il PD ed i suoi docili alleati scappano dal Consiglio Comunale. Si era verificato nella seduta del 18 settembre, quando si erano resi conto che avrebbero incassato una sonora bocciatura sulla delibera di riduzione dei componenti delle commissioni, voluta proprio dal PD. Allora, invece di argomentare e persuadere il Consiglio, hanno preferito alzare i tacchi ed abbandonare l’aula, facendo venir meno il numero legale e quindi costringendo a chiudere i lavori del Consiglio.
Lo stesso mezzo è stato attuato giovedì scorso, nel Consiglio Comunale straordinario sulla Fondazione MPS. In una seduta dove si è percepito da subito il disinteresse della maggioranza sull’argomento, alle 20.20 con una scusa banale, Carolina Persi ha suonato la ritirata, provocando ancora la chiusura del Consiglio. E’ come quando, da bambini, chi portava il pallone se ne andava se perdeva.
Il Consiglio del 25 quindi si è fermato, nell’imbarazzo del presidente, che non ha saputo dare spiegazioni sul da farsi, visto che l’unico affare posto all’ordine del giorno è stato dibattuto, ma non votato.
Eppure l’argomento in discussione era di forte importanza, trattandosi del futuro della Fondazione MPS. Le minoranze hanno portato una proposta politica concreta e tutt’altro che fumosa (vedi testo emendamento), come invece sono soliti fare dai banchi della maggioranza.
La maggioranza ha strumentalizzato la polemica che si era alzata in apertura di seduta per l’assenza del presidente Clarich, soprattutto per le sue dichiarazioni a mezzo stampa che affermano che “.. non vi è alcun rapporto istituzionale diretto fra Comune e Fondazione..” e per il fatto che ha preferito partecipare alla Festa dell’Unità tralasciando invece l’invito del Consiglio Comunale di Siena. Forse questo il presidente Guzzetti di ACRI non lo sa!
Un avvio polemico che però poi ha ceduto il passo ai temi concreti, come appunto quelli proposti con l’emendamento.
In PD ha preferito scappare, invece che confrontarsi sui temi importanti che erano stati sollevati: come i debiti che sembra vi siano nelle controllate Siena Biotech e Sansedoni SpA, ma soprattutto nelle strategie che la Fondazione vorrà attuare in Banca MPS. Dove si continuano a registrare bilanci in rosso, il Piano Industriale sembra non porti gli obbiettivi attesi, dove vi è un management che manda a casa i dipendenti e si alza lo stipendio, oltre a trasferire pian piano la sede operativa della banca a Milano. In una Banca dove si è tornanti ad assumere dirigenti e manager senza alcun controllo ed affidare a società esterne di consulenza gli incarichi più svariati, mentre i dipendenti vengono “venduti” con lo strumento delle esternalizzazioni.
Il PD su questi argomenti anziché esprimere una posizione ha preferito scappare. Evidentemente il maggior partito di Siena, oltre che litigare al proprio interno, non riesce ad avere un guida politica autorevole, così quando si trova stretto all’angolo, prende il pallone scappa.

 

Non si fa attendere la replica di Carolina Persi, capogruppo del Pd in consiglio comunale che, nel comunicato pubblicato di seguito, spiega come la Fondazione Mps possa guardare al futuro grazie all’atto di indirizzo della maggioranza:

“Le linee guida dell’atto di Indirizzo per la Fondazione MPS, che saremo chiamati ad elaborare nei prossimi quindici giorni, le abbiamo tracciate nell’Ordine del Giorno presentato in Consiglio Comunale” commenta Carolina Persi, Capogruppo Pd “ il percorso intrapreso da Banca MPS e Fondazione MPS, nel rispetto delle loro autonomie, ha permesso alla Fondazione MPS di mettere in sicurezza il patrimonio, seppur ridimensionato e alla Banca MPS di portare a termine l’aumento di capitale con successo,  rimborsando la quasi totalità dell’oneroso prestito governativo.

Il percorso deve continuare, la Fondazione MPS ha come principale obiettivo il proseguo della messa in sicurezza del patrimonio per un’ auspicabile ripresa dell’attività istituzionale statutaria. Gli utili della Fondazione MPS, proponiamo che vengano destinati al fondo di stabilizzazione delle erogazioni e a progetti di riconosciuto interesse pubblico e collettivo, capaci di mantenere una propria sostenibilità economica in tempi certi, ovviamente al netto delle spese di funzionamento da allineare coerentemente con l’attuale consistenza patrimoniale della Fondazione. Sottolineiamo, inoltre, la valorizzare degli investimenti finanziari e le risorse umane della Fondazione MPS portate avanti e costruite in questi anni, con fatica, sacrificio e risorse della comunità.

“Avremmo potuto dibattere in consiglio su questi temi, ma le diverse minoranze presenti hanno preferito recitare una commedia inutile per non entrare nei contenuti, rendendo di fatto il Consiglio Comunale un’inutile vetrina. Sono riusciti in soli 12 consiglieri ad illustrarci ben tre posizioni diverse, tra le quali, la liquidazione immediata della Fondazione MPS  e le dimissioni del Presidente, offendendo il dibattito democratico impedendo al Sindaco di esprimere la sua posizione con urla e fischi. Abbiamo deciso di lasciare l’aula, tutti insieme, per il rispetto che abbiamo nei confronti delle istituzioni e della città che siamo chiamarti a rappresentare”

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena