Prima pagina

Poggibonsi: fermati due topi d’appartamento. 51enne arrestato per droga dai Carabinieri

Un arresto e due denunce è il bilancio di una serie di controlli svolti in questi giorni prefestivi dai carabinieri di Poggibonsi. In manette è finito un 51enne, pugliese di origine ma da sempre residente nel centro valdelsano e con alle spalle diversi precedenti per droga, che è stato fermato durante un normale controllo stradale. L’uomo, che lavora come operaio in una nota fabbrica della zona, era alla guida della sua macchina con due passeggeri a bordo, ed è stato trovato in possesso di circa 600 euro in banconote di piccolo taglio e quattro dosi di sostanza stupefacente. L’ulteriore perquisizione dell’auto ha permesso di rinvenire altri 60 grammi di droga, materiale da confezionamento ed un bilancino di precisione.
L’arrestato è stato trattenuto presso le camere di sicurezza e dopo l’udienza di convalida è sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora nel comune di residenza e l’obbligo di firma alla P.G.

Nella giornata di martedì, i militari della stazione di Monteriggioni hanno denunciato un 27enne nigeriano, ospitato nel centro di accoglienza “Il Santo”, che aveva rubato il portafogli dalla tasca di una donna mentre si trovava a bordo di un bus di linea. Subito dopo l’uomo è sceso dal mezzo e si è dileguato. Quando la donna si è accorta del furto, ha subito chiamato i carabinieri richiedendone l’intervento. Grazie ad alcune testimonianze, i militari hanno proceduto ad effettuare dei controlli ed hanno individuato il giovane che, alla vista dei militari, ha riconsegnato il portafogli non riuscendo a giustificare il proprio gesto. I militari quindi, restituito il maltolto alla vittima ed hanno denunciato a piede libero l’extracomunitario.

Nel pomeriggio di ieri, infine, i carabinieri di Poggibonsi, durante uno dei tanti servizi di prevenzione, hanno notato una vettura di colore scuro che effettuava dei strani movimenti.
Dopo aver seguito la macchina a distanza per un po’, i militari l’hanno fermata, identificando gli occupanti ed eseguendo una perquisizione. Dal controllo è emerso che entrambi gli uomini – un albanese di 33 anni residente a Sant’Elpidio a mare (Fermo) e un 29enne nato a Jesi ma residente a Fermo – erano pluripregiudicati per reati contro il patrimonio ed in particolare specializzati in furti in appartamento.
Condotti in caserma ed eseguita una più approfondita perquisizione dell’auto, nascosti in un vano ricavato sotto il sedile posteriore del veicolo, sono stati ritrovati 1600 euro in banconote di diverso taglio, attrezzi da scasso, radio ricetrasmittenti con auricolari, guanti e berretti.
I due non hanno saputo giustificare il motivo della loro presenza in Valdelsa e nemmeno la provenienza della somma di denaro, motivo per il quale i soldi e il materiale sono stati sequestrati e i due denunciati.

In occasione delle prossime festività, i Carabinieri invitano i cittadini a non lasciare oggetti di valore nelle abitazioni, a segnalare al 112 la presenza di persone o auto sospette, adottando tutte le necessarie precauzioni per evitare di consentire facile accesso alle proprie abitazioni da parte dei malviventi.