Picchia e perseguita la ex compagna, 39enne arrestato dalla Polizia
7 Mar, 2017
polizia agenti auto

Ancora un caso di violenza nei confronti di una donna in provincia di Siena. La vittima è una 45enne in Valdichiana che si è rivolta alla Polizia per denunciare le continue e ripetute minacce, anche di morte, le persecuzioni e le aggressioni subite per circa due anni, da parte dell’ex compagno.
Ieri, i poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Chiusi-Chianciano Terme, in collaborazione con i colleghi del Commissariato di Terracina, sono andati in provincia di Latina, nella città di residenza dell’uomo, un italiano di 39 anni di origini campane, dove hanno eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari, disposta dal GIP del Tribunale di Siena su richiesta del Pubblico Ministero dott. ssa Menicucci, che ha coordinato le indagini svolte dalla Polizia.
La vittima, dopo aver sopportato per un lungo periodo di tempo, le reazioni eccessive del compagno che si dimostrava, immotivatamente, morbosamente geloso nei suoi confronti, ha chiesto prima aiuto ad un’associazione locale che tutela e supporta le donne vittime di violenze e poi, dato il perdurare delle continue minacce e aggressioni anche fisiche da parte dell’uomo, aggravatesi negli ultimi mesi, ha deciso di rivolgersi alla Polizia.
Dalle indagini complesse immediatamente avviate dagli investigatori del Commissariato di Chiusi, è emerso che il 39enne non solo minacciava ed offendeva continuamente la compagna, colpendola anche con calci e pugni, ma riversava talvolta le aggressioni verbali e le offese anche nei confronti degli amici della donna, sia maschi che femmine, compreso il suo ex marito.
La vittima, era quotidianamente tempestata di sue telefonate e sms, anche cento in un giorno, e lui la pedinandola e la seguiva anche sul luogo di lavoro impedendole di condurre una vita normale.
La situazione è poi precipitata lo scorso mese di dicembre, quando la donna ha deciso di interrompere definitivamente la relazione con l’uomo, che non rassegnandosi all’idea di perderla, ha minacciato di ucciderla o di suicidarsi.
Ora, consapevole che la scelta di denunciare i fatti alla Polizia è stata quella giusta, la vittima non sarà più costretta a farsi accompagnare da qualcuno per uscire di casa, anche se ci vorrà del tempo per ritrovare la serenità e sopravvivere all’ansia e alla paura.
Oltre alla misura degli arresti domiciliari, eseguita dagli uomini del Commissariato, nei confronti del 39 enne violento, è stato disposto l’assoluto divieto di comunicare con qualsiasi mezzo con la persona offesa.

Domani, in occasione della Festa della donna, anche a Siena, il Camper della Polizia con a bordo personale specializzato della Squadra Mobile e dell’ufficio denunce dell’UPGSP della Questura, il medico della Polizia e alcuni rappresentanti dell’associazione “Donna Chiama Donna” esperti in materia, sarà in sarà in Piazza del Campo dalla mattina al primo pomeriggio a disposizione di chi ha bisogno di supporto o anche semplicemente d’informazioni su questo delicato tema.

Questo non è amore: uno slogan che accompagna l’iniziativa, nazionale, della Polizia di Stato contro la violenza di genere.