Prima pagina

Picchia con un bastone la compagna incinta davanti al figlio di 3 anni: 31enne arrestato a Colle Val d’Elsa

Ennesima storia di violenza in famiglia, ennesima donna vittima “dell’amore violento” del proprio compagno. E’ successo a Colle Val d’Elsa, dove i carabinieri sono intervenuti in casa di una coppia di coniugi ed hanno arrestato un 31enne originario della provincia di Lucca ma da anni residente in Valdelsa, che aveva picchiato la moglie all’ottavo mese di gravidanza.
La donna ha riferito ai militari che il compagno, un operaio con numerosissimi episodi di violenza familiare alle spalle, a seguito di un futile litigio, dopo averla percossa a mani nude, aveva recuperato un bastone in legno ed aveva iniziato a colpirla ripetutamente. Alla scena aveva assistito anche il figlio di tre anni che aveva cercato di proteggere la madre frapponendosi tra lei ed il padre mentre questi brandiva il bastone. Quando ieri intorno all’ora di pranzo i carabinieri sono entrati nell’appartamento, la scena che si è presentata ai militari era delle più desolanti. Suppellettili rotti, cibo riverso a terra, un bambino di tre anni in lacrime attaccato alle gambe della madre che, dolorante, cerca di consolarlo, mentre il marito è in camera da letto.
Condotta presso l’ospedale per le cure del caso, la donna ne è uscita solo in tarda serata e solo dopo che i medici hanno verificato ed escluso qualsiasi rischio per lei ed il bambino che porta in grembo. Gli accertamenti condotti intanto dai militari dell’Arma, hanno permesso di comprendere che l’uomo, all’arrivo dei carabinieri, aveva cercato di occultare il bastone usato per picchiare la compagna in camera da letto, tra il materasso e la rete.
I militari dell’Arma hanno sentito decine di vicini della coppia, i quali hanno riferito che da tempo la donna veniva picchiata quasi quotidianamente e che quotidianamente, dall’appartamento dei due, provenivano urla e richieste di aiuto.
L’uomo è stato quindi arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali ed è stato condotto presso il carcere di Siena.
Il figlio di tre anni, in stato di shock, è stato affidato alle cure della madre ed i servizi sociali sono stati attivati dai Carabinieri, al fine di verificare se fosse necessario avviare un percorso di sostegno psicologico.
Già in passato, i carabinieri erano stati costretti ad intervenire preso l’abitazione della coppia, senza però poter procedere contro l’uomo, perchè la moglie si era sempre rifiutata di sporgere denuncia, negando di essere mai stata picchiata.
Nel pomeriggio di ieri, invece, la giovane ha raccontato una storia diversa, una storia fatta di violenze, umiliazioni e percosse.
Una storia caratterizzata da un “amore malato” che le aveva impedito di denunciare l’uomo che amava.
Solo quando la donna ha compreso che quell’uomo avrebbe potuto causare un aborto e la conseguente perdita del figlio, allora ha compreso che doveva chiedere aiuto e porre fine a quella storia.
Il caso ha voluto che una vicina di casa, impietosita per le strazianti urla della donna, a differenza delle altre volte, abbia chiamato il 112 richiedendo l’intervento dei Carabinieri.
Se i militari non fossero stati chiamati, forse, la storia avrebbe potuto avere un più triste e tragico epilogo.
Ancora una volta i Carabinieri invitano a denunciare tutte le forma di violenza che si verificano in casa ed invitano a non vergognarsi di chiedere aiuto.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena