Pesco (M5S): “Perchè non si vuole la verità su David Rossi?”
27 Feb, 2017
david-rossi-suicidio-monte-paschi-siena-770x761

“Ci sembra che la Procura non stia facendo tutto il necessario per riuscire a chiarire come possano essere andate le cose. E questa è la cosa che più ci dà fastidio e crea anche imbarazzo in tutta la nazione. Non è possibile che dopo quattro anni ci siano ancora così tanti dubbi”. A parlare è Daniele Pesco, parlamentare del M5S, stamani in diretta su Antenna Radio Esse, sul caso della morte di David Rossi. Caso che è stato rievocato ancora una volta venerdì scorso durante la puntata della trasmissione Quarto Grado, riproponendo i tanti, inquietanti punti interrogativi che purtroppo restano su questa vicenda. Uno su tutti l’utilizzo del telefono di David Rossi avvenuto dopo che era già precipitato dalla finestra. “Per ora abbiamo qualche anticipazione sull’analisi dei tabulati telefonici – ha detto Pesco -. Sappiamo per esempio che il telefono ha agganciato la cella telefonica dell’ufficio di Rossi dopo la sua caduta ed altri due elementi fortissimi sono ula risposta al telefono avvenuta quando Rossi era già al suolo e poi quella chiamata che è partita con quel numero particolare probabilmente, ma di questo non abbiamo certezza, riferibile ad un numero di conto corrente bancario. Queste sono cose di cui gli inquirenti non hanno tenuto conto e questa è la cosa più grave”.

Ascolta l’intervista di Daniele Pesco