Pedofilia su internet, perquisizioni anche a Siena
1 Ago, 2014
pedofilia_800x532

Anche Siena è coinvolta in un’operazione internazionale contro la pornografia minorile su internet, condotta dalla polizia italiana in collaborazione con quella tedesca. Numerose perquisizioni domiciliari diverse città d’Italia, tra cui appunto anche Siena, eseguite dalla Polizia Postale. Decine gli indagati italiani per avere scaricato e diffuso sulla rete video di pornografia minorile, con abusi sessuali e anche torture su bambini di pochi anni. Le città interessate dalle perquisizioni sono state Bologna, Brescia, Cagliari, Catania, Como, Cuneo, Firenze, Ferrara, Livorno, Milano, Messina, Napoli, Novara, Pesaro, Pisa, Ragusa, Roma, Savona, Siena, Siracusa, Torino e Verona. Durante le perquisizioni è stato sequestrato un elevato numero di materiale tra cui computer, hard disk, pen drive e supporti ottici, che adesso sarà esaminato dagli esperti per confermare la responsabilità degli indagati e risalire all’identificazione dei minori vittime degli abusi.