Palio e sicurezza, il Questore: “Meccanismo ormai rodato, fondamentale la collaborazione con le contrade”
30 Giu, 2015
piccolotti - mazzini palchi

Rispettare la Festa ma garantire anche la sicurezza. È questo l’obiettivo della Questura di Siena, che in ogni Palio, pianifica tutte le misure di sicurezza operative, con una intensificazione anche delle attività preventive. Ogni anno si rimette in moto una macchina ormai collaudata, aggiungendo via via degli accorgimenti dettati dalle necessità. “Si riprende l’esperienza degli anni precedenti apportando dei piccoli correttivi – ha confermato ai microfoni di ARE il Questore Maurizio Piccolotti -. Così è stato fatto anche quest’anno, con un’attenzione ancora maggiore riguardo agli aspetti di sicurezza generale. Ci sono infatti accurati controlli sulle persone che accedono alla Piazza e alle borse o bagagli che portano, sopralluoghi anche nel sottosuolo della città o nei luoghi che potrebbero nascondere delle insidie. È stata rafforzata la vigilanza nelle Contrade, con particolare attenzione ai limiti di confine tra quelle rivali.‎”Il governo interno dentro al mondo delle contrade è fondamentale per fare in modo che la manifestazione rimanga viva e sicura – afferma il Questore Maurizio Piccolotti -. Continui sono i contatti fra dirigenze e questura”. I servizi oltre a garantire il regolare svolgimento della manifestazione, sono finalizzati a prevenire e reprimere la commissione di reati, soprattutto contro il patrimonio, come scippi e borseggi, ma anche i furti negli appartamenti specialmente nei periodi in cui sono lasciati incustoditi per assistere alla corsa, soprattutto in periferia. Un’attenta vigilanza è stata quindi pianificata in tutto il centro cittadino, specie nelle ore serali e notturne, seguendo e monitorando attentamente la rivalità tra le contrade che saranno “in Piazza”. Anche quest’anno è stato previsto l’impiego delle unità cinofile e degli artificieri che, coordinati da un Funzionario di Polizia, si occuperanno delle attività di bonifica dei bottini sotto la Piazza del Campo, prima della corsa”.

Per garantire la sicurezza, oltre a misure di prevenzione da parte della Questura, è necessaria anche una stretta collaborazione con le istituzioni. “Ogni anno lavoriamo insieme – afferma l’assessore Paolo Mazzini -. È fondamentale la sintonia, perché solo così possiamo avere ottimi risultati”.