Palio di luglio, le misure di sicurezza della Polizia
28 Giu, 2016
polizia palio

E’ tutto pronto alla Questura di Siena per la gestione della sicurezza in vista del Palio di Provenzano, del 02 luglio.
In seguito alla riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenuta dal Prefetto Renato Saccone, sono state pianificate per la “carriera” di sabato tutte le misure di sicurezza operative, con intensificazione delle attività preventive a carattere generale e di controllo del territorio, in tutto il tessuto cittadino, con l’impiego di personale di rinforzo di Polizia e Carabinieri, in uniforme e in abiti civili, compresi gli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Toscana e altre unità specializzate.
E’ stata rafforzata anche quest’anno la vigilanza a tutte le Contrade interessate al Palio, con particolare attenzione ai limiti di confine tra quelle rivali, come Lupa/Istrice, e Chiocciola/Tartuca, integrando il dispositivo ordinario.
L’obiettivo dei servizi, disposti dal Questore Maurizio Piccolotti, oltre a garantire il regolare svolgimento della manifestazione, è quello di prevenire e reprimere la commissione di reati, soprattutto contro il patrimonio, come scippi e borseggi, ma anche i furti negli appartamenti, specialmente nei periodi in cui sono lasciati incustoditi per assistere alla corsa, in particolare in periferia.
Un’attenta vigilanza è stata pianificata lungo le vie cittadine che portano alla Piazza e sulle varie arterie che conducono al Capoluogo, in modo da creare e mantenere una cornice di sicurezza in ogni luogo interessato dalla presenza di turisti e senesi, in spostamento ed in sosta, con particolare riguardo alle ore pomeridiane, serali e notturne.
Anche quest’anno è stato previsto l’impiego delle unità cinofile e degli artificieri che, coordinati da un Funzionario di Polizia, si occuperanno delle attività di bonifica delle aree interessate dalle acque piovane e dai bottini sotto la Piazza del Campo, prima della corsa e delle prove.
Tutte le vie di accesso alla città saranno vigilate e i varchi d’ingresso alla Conchiglia presidiati, dalla Polizia di Stato, dall’Arma dei Carabinieri, dalla Guardia di Finanza e dal Corpo Forestale dello Stato, oltre al personale della Polizia Provinciale e Municipale, per il controllo e filtraggio, anche con l’uso di metal detector, delle persone che vorranno accedervi.
Specifiche attività tecniche e di documentazione verranno inoltre svolte dalla Polizia Scientifica, per accertare anche dopo la manifestazione, eventuali responsabilità connesse a comportamenti illeciti.
Sulla Torre del Mangia del Palazzo Pubblico sarà allestito il Centro Unificato di Coordinamento, sia il giorno della prova generale di mercoledì 01 luglio che durante il Palio del 02, per gestire tutte le informazioni e i profili riguardanti la sicurezza, con una visione diretta sulla Piazza, che consenta la ottima direzione dei servizi anche nella fase dinamica di attuazione.
Il centro sarà, anche questa volta, coordinato da un Funzionario della Questura e composto da rappresentanti, di ciascuna Forza di Polizia e di Pubblico Soccorso, collegati via radio con le loro articolazioni operative.
Per l’occasione, nel centro per la gestione della sicurezza sarà attivato anche un numero telefonico fisso per agevolare ulteriormente lo scambio di comunicazioni.
Per esigenze connesse all’ordine e alla sicurezza pubblica e per consentire la chiusura della Piazza garantendo la puntualità nella partenza della corsa, è stata concordata la chiusura dell’ingresso da Piazza del Mercato in via Dupré, fin dalle ore 18:45, mentre dalle ore 19:00 sarà chiusa anche la cancellata che separa la stessa via dalla Piazza del Campo.
E’ stato ribadito anche quest’anno, il divieto di entrare nella pista prima del termine della corsa, nonché lanciare oggetti o, comunque, ostacolare il libero svolgimento della corsa, oltre a quello di introdurre all’interno della Piazza, seggiole e sgabelli, tavolini, panche, cassette, passeggini e carrozzine per il trasporto di neonati e bambini.
Non sarà consentito, infine, portare al seguito bevande in bottiglie di vetro o in contenitori metallici, dato che è autorizzata soltanto la vendita di bibite contenute in involucri di plastica e cartone.