Prima pagina

Neuro-oftalmologia pediatrica: meeting internazionale a Siena

Summit internazionale di esperti per studiare, con le neuroimmagini, l’occhio dei bambini. Questo l’obiettivo del workshop “Neuroimmagini in Oftalmologia Pediatrica”, che si terrà il 12 e 13 marzo a Siena, presso l’aula 13 del centro didattico dell’AOU Senese. L’evento è organizzato dall’UOC NINT – Neuroimmagini e Neurointerventistica, diretta dal professor Alessandro Rossi.“Il nostro obiettivo – spiega Rossi – è quello di integrare l’imaging con Risonanza Magnetica dell’occhio, dall’età fetale a quella infantile e pediatrica, con genetica, clinica e terapia. Il corso nasce da una idea dei dottori Alfonso Cerase e Paolo Galluzzi, referenti rispettivamente della Neuroradiologia Diagnostica Avanzata e della Neuroradiologia dell’età dello sviluppo della NINT”. L’imaging oculare pediatrica di Siena, grazie alla professionalità e competenza del dottor Galluzzi e dell’èquipe, è punto di riferimento internazionale per la comunità scientifica ed è presente in prestigiosi gruppi europei di ricerca tra cui il network fra varie figure professionali EUretino e l’ European Retinoblastoma Imaging Collaboration, gruppo di studio in cui Siena è stata scelta quale uno dei 5 centri europei più avanzati nell’imaging del Retinoblastoma ed è rappresentata dal dottor Galluzzi”. L’evento consentirà sia di garantire piena integrazione interdisciplinare tra professionisti diversi, sia di progettare e costruire reti interistituzionali e transnazionali, in particolare europee, che possano attivare progetti di ricerca specifici dedicati all’assistenza dei piccoli pazienti colpiti da malattie oculari. “E’ stata scelta Siena come sede del workshop – conclude Rossi – perchè nel nostro ospedale abbiamo la presenza di eccellenze nell’ambito delle neuroscienze, come il centro retinoblastoma, un grave tumore dell’occhio, coordinato dalla dottoressa Doris Hadjistilianou, e un’ottima tradizione interventistica, coordinata dalla dottoressa Sandra Bracco. Siamo stati i primi in Italia, infatti, a sperimentare una nuova terapia per la cura del retinoblastoma e, durante il meeting, faremo il punto anche sugli importanti risultati raggiunti in quest’ambito”.

Nella foto il dottor Paolo Galluzzi

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

I PIU’ LETTI