Prima pagina

Neri: “Valentini dovrebbe dimettersi a prescindere dall’avviso di garanzia. Ha reso inoffensiva la città”

Opposizioni pronte a chiedere le dimissioni del sindaco Valentini dopo l’avviso di garanzia ricevuto per le indagini sugli atti amministrativi compiuti quando era sindaco di Monteriggioni. Da venerdì scorso, i rivali politici del primo cittadino lo attaccano, mentre il suo partito, il Pd, e gli alleati della coalizione lo difendono rinnovando la fiducia alla magistratura che “saprà chiarire”.
Domani un nuovo capitolo di questa vicenda si consumerà in consiglio comunale dove l’opposizione compatta chiederà chiarimenti. “Non illudiamoci non sarà una seduta decisiva – ha detto ai microfoni di Are Eugenio Neri, di Siena rinasce – gli strumenti del regolamento del consiglio comunale non sono molti, si possono presentare interrogazioni urgenti ma non possiamo fare una mozione di sfiducia perchè non è previsto. Ci aspettiamo comunque diavere delle risposte, perchè il primo cittadino ha ricevuto un avviso di garanzia”.
L’avviso di garanzia non è un atto di accusa, perchè chiedete le dimissioni?
“Valentini non dovrebbe cadere per questo, tra l’altro mi dispiace per lui non si può gioire delle disgrazie giudiziarie altrui, ma per aver reso inoffensiva la città. Questioni come Monte dei Paschi, Santa Maria della Scala, Bid book, sono irrisolte, questa giunta galleggia e il sindaco ha fallito. Ma non cadrà, il Pd lo appoggerà, noi comunque in consiglio faremo un’azione moralmente incisiva”.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

HIT IN TESTA le più ascoltate su A r e

Meteo

Meteo Siena