Nella Torre torna il “Mecenatismo di contrada”
3 Ago, 2018
mecenatismo di contrada

La fotografa Ilaria d’Atri e la pittrice Marta dell’Angelo. Saranno loro le protagoniste dell’edizione 2018 di “Mecenatismo di Contrada”, il progetto che da quattro anni rende possibile la residenza di artisti italiani per alcuni giorni in una Contrada, quella della Torre, grazie all’operato del suo Circolo culturale, i Battilana. In particolare, sarà il periodo tra il 7 e il 18 agosto quello nel quale le due prossime protagoniste saranno ospitate nel rione di Salicotto e ne vivranno in prima persona le emozioni che vi si sprigionano durante i giorni del Palio, per poi tramutarle in soggettiva creatività artistica.

La milanese Marta dell’Angelo è un’artista poliedrica: si esprime nelle forme più disparate, dalla pittura alla performance, dalle installazioni al collage, dai video fino ai libri. E’ autrice di un singolare libro (“Antologia delle posizioni”) lungo 203 metri, interamente dedicato alle posture del corpo umano. Nel 2002 ha vinto il premio New York Columbia University;, ed ha esposto in svariati musei e gallerie in Italia e all’estero. Come appassionata di neuroscienze e antropologia si accosterà a Siena con un background ideale per immergersi nelle particolarità delle Contrade e della loro Festa.

Ilaria d’Atri è invece di origine napoletana, ed ha esplorato le declinazioni dell’espressione artistica attraverso la fotografia, la grafica fino al design industriale. Ha firmato lampade d’artista, documentato backstages di settimane della moda ed elaborato un progetto per la riqualificazione dell’area ex industriale di Coroglio e Bagnoli. In vista della sua presenza a Siena per il Mecenatismo di Contrada ha sostenuto una sorta di “previsita”: nel mese di giugno ha già vissuto una giornata con il gruppo Giovani della Torre, a cui ha raccontato qualcosa di sé e di cosa significhi fare fotografia. Un primo breve ma intenso scambio di spunti integrato poi da una prova pratica, il vero workshop della giornata: ‘armati’ di telefonini e di tanta pazienza, Ilaria e il Gruppo Giovani hanno spaziato tra piazza del Campo e Salicotto mischiando due punti di vista: quello di chi Siena la vede per la prima volta e si spera ne rimanga affascinato; e quello di chi la vive tutti i giorni, la ama ma non la conosce ancora perfettamente.

La presenza di Ilaria d’Atri a Siena tra il 7 e il 18 agosto sarà resa possibile anche grazie alla Fondazione Mps, che sostiene quest’anno il progetto Mecenatismo di Contrada al pari di altre istituzioni locali e regionali in passato. La d’Atri e la dell’Angelo seguono un già ricco stuolo di artisti in passato protagonisti dell’iniziativa: i videomakers Mattia Costa e Giulio Kirchmayr, i figurativi Lucien Roux e Virginia Foletti, il musicista Andrea Sommani, la sound artist Sophie Usunier.